La bella estate. Dal 7 luglio al 25 agosto una nuova rassegna di arte, letteratura, sport e politica

Castelnuovo Garfagnana il 05/07/2017 - Redazione
Due mesi di incontri per un’estate tutta da leggere. Dal 7 luglio al 25 agosto a Castelnuovo Garfagnana (ore 18.00, ex Pista di Pattinaggio) è in programma “La bella estate”: una nuova rassegna di arte, letteratura, sport e politica curata da Alba Donati, poetessa e presidente del Gabinetto G.P. Vieusseux di Firenze.
 
Il programma - Primo ospite, venerdì 7 luglio, la cantautrice e scrittrice Nada Malanima con il suo nuovo romanzo “Leonida” (Atlantide) per parlare di famiglia e di identità attraverso la voce della protagonista che, in una prosa asciutta e nervosa, racconta l’inquietudine di chi vive intensamente questi tempi. Si prosegue il 14 luglio con Alan Friedman e il suo ultimo libro “Questa non è l’America” (Newton Compton) in cui racconta la povertà estrema di alcune zone rurali come il Mississippi, gli eccessi di Wall Street e l’arrivo di Donald Trump svelando come dietro l’immagine del Paese più influente del mondo si intraveda una nazione lacerata, impaurita e rabbiosa. Venerdì 21 luglio sarà la volta di Caterina Soffici, giornalista al debutto nella narrativa con “Nessuno può fermarmi” (Feltrinelli), un romanzo in cui fiction e realtà si rincorrono con la ricostruzione di una vicenda storica che riguarda la Garfagnana da vicino, in cui si ricuciono i fili di una trama rimossa dalla storiografia ufficiale attraverso un episodio che ha segnato la comunità degli emigrati italiani in Gran Bretagna, quando i rifugiati eravamo noi italiani che scappavano dalla miseria per costruire un futuro diverso. A seguire il 26 luglio, eccezionalmente nel giorno dell'anniversario della scomparsa della scrittrice lucchese Pia Pera, un reading realizzato in collaborazione con la Fondazione Giuseppe Pera: Lorenza Zambon, accompagnata dalla musica dal vivo di Marco Remondini propongono “Al giardino ancora non l’ho detto” (Ponte alle Grazie) che ricrea, davanti agli occhi degli spettatori, un micro giardino vivente che cresce e si modifica nel corso delle stagioni, ispirato al giardino di Pia, scrittrice che del giardino aveva saputo fare una forma letteraria e che proprio in un dialogo immaginario con il suo giardino ha rivelato al mondo la sua malattia. La scrittrice Lidia Ravera sarà ospite della rassegna venerdì 28 luglio con “Il terzo tempo” (Bompiani), un romanzo dedicato all’invecchiare, al trascorrere del tempo, ma anche al rinnovarsi, che Ravera descrive attraverso gli occhi di Costanza che decide, proprio spinta dal tempo che passa, di rivoluzionare la propria vita. Atteso alla rassegna venerdì 4 agosto, Vittorio Sgarbi con “Dall'ombra alla luce” (La Nave di Teseo): il suo personalissimo viaggio tra Roma, Napoli, la Lombardia, l’Emilia, le Marche, in un’alternanza di ombre e di luci per svelare artisti sconosciuti e silenziosi che attraversano il secolo del Barocco. Ferruccio De Bortoli, ex direttore del Corriere della Sera e del Sole 24 Ore e attuale presidente della Longanesi, presenta in conversazione con il giornalista Paolo Del Debbio venerdì 11 agosto il libro “Poteri forti (o quasi)” (La Nave di Teseo), una riflessione appassionata sul giornalismo che racconta la storia italiana degli ultimi decenni. Agosto è tempo di gialli, e dopo i big del giornalismo e dell'arte ecco, venerdì 18 agosto, il giallista viareggino già Premio Scerbanenco, Giampaolo Simi con il suo ultimo libro “La ragazza sbagliata” (Sellerio): storia di una assassina e del suo accusatore, di un dubbio, di un inganno e della possibilità di una nuova vita, un noir tutto ambientato sulle colline della Versilia. Il ciclo si conclude venerdì 25 agosto con “Tutto o niente” (Mondadori), il libro di Sara e Marco Tardelli (in attesa di conferma). Padre e figlia insieme raccontano una storia. Marco, nato in Alta Garfagnana a Capanne di Careggine, è stato centrocampista della Juventus immortalato in azzurro durante la gestione Bearzot; la figlia Sara lavora come autore in Rai. Un libro intenso e suggestivo, in cui a raccontare la vita del campione del mondo nel 1982, passato alla storia con l'urlo meraviglioso dopo il 2-0 alla Germania, è stata proprio la figlia Sara.
 
Torna Indietro

NEWS

Libri

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X