No ai grammarnazi, sì al buon italiano nella “Guida pratica all’italiano scritto” di Vera Gheno

Serena Bedini

27/04/2017

Oggi più che mai sembra che il buon italiano sia stato dimenticato: i social network diffondono una lingua fatta di apostrofi mancanti, accenti sovrabbondanti, “k” al posto di “ch” e maiuscole assenti. “Ormai non si scrive più!”, è la frase più ricorrente e anche la più sbagliata, visto che dalla tesi di laurea in poi sembra che quella scritta sia una forma della nostra lingua destinata a non essere abbandonata, se si pensa all’incredibile quantità di email, messaggi, dichiarazioni e progetti che ogni persona redige mediamente ogni settimana.

Ecco dunque che la “Guida pratica all’italiano scritto” di Vera Gheno (Franco Cesati Editore) sembra quanto mai utile non solo nel momento della stesura dell’elaborato finale, ma anche ogni qual volta desiderassimo chiarirci un dubbio. Sono molte le virtù di questo volumetto: è di facile consultazione, chiarisce tutte le incertezze in cui chiunque può incorrere nella composizione di un testo, è leggero e maneggevole, è ben scritto ed ha un formato quasi tascabile che consente di servirsene all’occorrenza. In esso si trova un interessante capitolo sulle tecniche per prendere appunti (cosa ormai dimenticata, sembra…), un altro su come si redige una bibliografia (… questa sconosciuta!), una sezione sulle regole per la stesura di un testo e un’altra fondamentale su quelle per la revisione (fase quest’ultima saltata regolarmente a piè pari da chiunque scriva, dando vita regolarmente a testi e email carichi di errori, refusi e orrori vari). Anche la punteggiatura trova un capitolo dedicato in questo manuale e con poche pagine si chiarisce l’uso dei puntini di sospensione (che sono solo e sempre tre) e quello del punto e virgola.

Ha ragione Vera Gheno: non occorre essere “grammarnazi”, ossia puristi fanatici dell’ortografia, ma se ci ricordassimo poche, semplici indicazioni, improvvisamente i nostri testi scritti assumerebbero contorni più chiari, i concetti verrebbero esposti con maggiore ordine e il significato sarebbe perfettamente intelligibile a chiunque leggesse. Siamo sicuri infatti che l’italiano scritto sia solo un problema con il quale devono confrontarsi gli studenti universitari in odore di laurea? Quante volte ci è capitato di domandarci perché a quella email non ci fosse stata una risposta adeguata o quel progetto non fosse stato accettato? E se i responsabili di questi fallimenti fossimo proprio noi, venendo meno a una corretta stesura, a un’organizzazione efficace del testo, a un uso esatto della punteggiatura? Il manuale di Vera Gheno serve a metterci in regola e a fugare ogni dubbio in merito alle nostre responsabilità in una corretta comprensione dei testi che scriviamo.

Oltretutto “Guida pratica all’italiano scritto” è anche piacevole da leggersi, scritto in un linguaggio a tratti persino divertente, ricco di aneddoti e racconti tratti dalla quotidianità vissuta dall’autrice che è sociolinguista e tiene un Laboratorio di italiano scritto all’Università di Firenze. Una lettura utile che mi sento di consigliare a tutti!
 
Torna Indietro
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196

Serena Bedini

Serena Bedini
Nata a Firenze nel 1978, Serena Bedini si è laureata all'Università degli Studi di Firenze in Filologia Moderna (2005). Dal 2003 si occupa di formazione per adulti e attualmente è docente di Scrittura creativa e di Italiano L2 presso la LABA di Firenze. Da sempre appassionata di letteratura ed arte, ha collaborato e collabora con vari artisti ed è stata caporedattrice di i.OVO, Rivista di Arte e cultura contemporanea (Firenze, Nardini Editore). Suoi interventi appaiono o sono apparsi rispettivamente su Qui-Libri – La rivista di chi legge (Milano, La Vita Felice Editrice, distribuito presso le librerie Feltrinelli), Espoarte (Savona), Rassegna della Letteratura Italiana (Le Lettere, Firenze), La casa dei doganieri (Firenze), Fronesis (Firenze) e il Bollettino ITALS dell'Università Ca' Foscari di Venezia. Ha vinto il XXX e il XXXI e XXXIII Premio Letterario Nazionale "Il Portone" (Pisa) nella sezione racconto. Ha pubblicato i...
Vai all' Autore

Libri in Catalogo

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X