Silvano Stagi

Dietrosieve. Un paese e il suo popolo: ricordi, risate, nostalgia

€ 12,00

Casa Editrice: Edizioni Polistampa

Anno: 2010

N. Pagine: 128

Formato: 17x24

La testimonianza appassionata di una grande esperienza umana e politica


Il paese, il mio paese! Mi fermo sul ponte e guardo l’acqua che passa: quella goccia, sì, quella! Sarà l’ultima di quelle passate o la prima di quelle in arrivo?

Silvano Stagi è stato sindaco di Rufina, lambita e talvolta minacciata dalla Sieve, per quasi tre lustri, fra gli anni Cinquanta e Sessanta, in tempi di confronto politico duro ma leale. La sua narrazione non è una cronistoria delle vicende del paese e neanche un’autobiografia: piuttosto, un affresco dipinto coi colori della complicità e della nostalgia che gravita intorno alla strada dove Stagi è nato e vissuto, ufficialmente via Cesare Battisti, detta comunemente via della Nave oppure, per farla breve, il Corso o “dietrosieve”. L’affresco di una comunità dove bastava girare l’angolo per andare nella via principale di Rufina e ti pareva di essere in un altro mondo. Gente laboriosa, semplice, divisa talvolta da piccoli litigi ma profondamente unita, che ha attraversato il fascismo e la guerra, la ricostruzione e i tempi difficili delle conquiste politiche e sociali delle classi subalterne, fino a oggi. Una casa comune dove tutti si chiamavano col soprannome: Milano e la Boria, Fecce, Pille, il Ficio e poi Tredicino, Veccia, Bistino, Dreolino, Certino, le vittime designate degli scherzi, Schicchero e il Corazziere, i renaioli Ghindo e Bùghere. La banda, la Pippolese, la festa dell’uva col Nannoni che faceva Bacco, le serenate e qualche incontro ravvicinato col babbo della bella. Cortei politici e processioni religiose col tamburino Lilli che scandiva il passo a ritmo sincopato. Notti passate a “far tardi”, scherzi tremendi, ma senza ferocia, tipi inimitabili e la “Ribollita” dove si ballava… tingendosi di rosso.
Talvolta, specie nelle vicende del sindaco col preposto, pare di leggere le imprese di Peppone e don Camillo, come quando Stagi narra di aver nominato una suora, lui comunista, preside delle scuole medie per aggirare ottusi divieti, perseguendo la solidarietà e il bene comune, senza fanatismo ideologico. Ma qui c’è molto di più di un teatrino di macchiette paesane: tra i tanti episodi esilaranti e qualche lacrima, emerge la testimonianza appassionata di una grande esperienza umana oltre che politica.

Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Edizioni Polistampa
Codice 978-88-596-0785-4

Edizioni Polistampa

La storia delle edizioni Polistampa comincia nel 1966, quando il fondatore Mauro Pagliai, all’età di 22 anni, apre una piccola tipografia nel centro storico di Firenze. Nonostante le poche risorse economiche a disposizione, già all’inizio le stampe e le edizioni si contraddistinguono per la qualità delle loro esecuzioni e ogni volume viene particolarmente curato in... Vai alla scheda editore >

Vai ai libri dell'editore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X