Angela Mengoni

Ferite. Il corpo e la carne nell’arte della tarda modernità

€ 15,00

Casa Editrice: Salvietti & Barabuffi Editori

Anno: 2012

N. Pagine: 312

Formato: 17X24

“La ferita” e la sua indagine sono al centro di questo nuovo volume scritto dalla giovane ricercatrice Angela Mengoni. Lo studio, di tipo semiotico e dall’alto valore scientifico, non mancherà di interessare appassionati, studiosi e studenti. Nel novembre 1971, in una galleria d’arte californiana, un collaboratore imbraccia un fucile e spara sul braccio di Chris Burden durante un’azione che dura pochi secondi. Quell’opera sembra annunciare il ritorno della ferita nell’arte della modernità avanzata come mera figura somatica, ormai svincolata dalla solida economia narrativa che l’ha accompagnata lungo la storia dell’immagine cristiana e persino dalle proiezioni simboliche tipiche della body art o dell’azionismo. Come in quel colpo di fucile, così in una parte delle arti visive dagli anni Novanta e oltre, una ferita sempre più isolata, ostentata ed autonoma delinea un cortocircuito tra corpo-involucro – luogo di intellegibilità collettiva e di possibile messa in comune, sul cui volto e nei cui gesti si articolano forme passionali offerte alla condivisione – e quel sostrato biologico che chiamiamo carne, fondo in cui si dispiegano le dinamiche opache del vivente, i ritmi e le scansioni della vita nella sua mera tenuta biologica. Mentre una crisi profonda sembra investire le potenzialità espressive di un volto e di un corpo sempre più apatici, gli accidenti della carne accedono via via all’orizzonte del visibile. Si affermano così, in una regione dell’arte, figure di un corpo ancora capace di sperimentare la non-coincidenza che lo attraversa, dichiarando la disgiunzione tra il corpo come deposito identitario e luogo di intellegibilità collettiva ed il suo sostrato biologico.Lungi dal coincidere con un motivo iconografico o una figura data a priori, la ferita è allora il luogo di un’operazione che traccia la linea di giunzione e di articolazione tra corpo e carne. Più che un oggetto, un oggetto teorico che si declina in una pluralità di investimenti figurativi - dal grido, alla piega, alla piaga vera e propria - è qui che è indagato tracciando una costellazione di opere contemporanee ed interrogando la memoria visiva che le attraversa.

Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Salvietti & Barabuffi Editori
Codice 9788897082231

Salvietti & Barabuffi Editori

Salvietti e Barabuffi Editori, casa editrice toscana che ha fatto propria la tradizione di marchi storici presenti da decine di anni nelle pubblicazioni di pregio, opera nell’editoria con particolare attenzione alla storia, al patrimonio artistico e naturale, alle tradizioni popolari, all’enogastronomia e agli eventi espositivi del territorio toscano e nazionale. Sono numerose le opere... Vai alla scheda editore >

Vai ai libri dell'editore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X