Fabrizio Franceschini

Giovanni Guarducci, il bagitto e il Risorgimento

€ 30,00

Casa Editrice: Salomone Belforte & C. Editore

Anno: 2013

N. Pagine: 558

Testi giudeo-livornesi 1842-1863 e Glossario
Questo volume presenta la prima ricostruzione organica della vita di Giovanni Guarducci (1813-1863), sensale e capopopolo livornese vicino al Guerrazzi, combattente a Montanara, protagonista della difesa di Livorno nel 1849, capo degli esuli italiani in Corsica, volontario garibaldino e feroce critico dei primi governi post-unitari. Grazie a una ricerca tra i manoscritti della Labronica e le stampe ottocentesche in biblioteche italiane ed estere, si definisce il canone delle sue opere e si presentano in edizione critica, con alcune significative composizioni in lingua, tutte le sue poesie in giudeo-livornese. Si tratta di composizioni animate dalla polemica antiebraica, ma al contempo capaci di cogliere costumi, atteggiamenti e caratteri linguistici degli ebrei di Livorno, in un complesso momento di trasformazioni sociali, spinte all’emancipazione e fermenti patriottici e repubblicani; proprio per questo le satire del Guarducci hanno attratto l’interesse di studiosi quali Guido Bedarida, Elio Toaff , Benvenuto Terracini. In quest’ambito emerge anche la figura di Giovan Battista Giacomelli, celebrato per le sue esibizioni comiche e dialettali dal Giusti, dal D’Azeglio e dalla famiglia Manzoni ma sinora ignoto quale autore di versi in italiano ebraizzante che formano, con quelli bagitti del Guarducci, un contrasto poetico sull’integrazione degli israeliti nella società livornese. Il volume comprende infi ne un ampio glossario con le voci bagitte, livornesi e toscane dei componimenti e il quadro complessivo delle forme giudeo-livornesi attestate tra la fine del Settecento e il 1863.

Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Salomone Belforte & C. Editore
Codice 978-88-7467-073-4

Salomone Belforte & C. Editore

La casa-editrice Salomone Belforte & C. viene fondata nel 1834 a Livorno, ma è già attiva dal 1805 nella pubblicazione di libri ebraici. Dal 2001, insieme all'antico nome cancellato dalle leggi razziali, riprende l'attività editoriale, sia nel campo della cultura ebraica, sia nel campo della letteratura, dell'arte, della storia livornese. Salomone Belforte &... Vai alla scheda editore >

Vai ai libri dell'editore

Fabrizio Franceschini

è professore ordinario di Linguistica italiana all’Università di Pisa. La sua ricerca spazia dalla Commedia dantesca coi suoi antichi commenti ai linguaggi professionali e giovanili sino alla letteratura popolare e dialettale. In questo quadro ha pubblicato i due volumi Livorno, la Venezia e la letteratura dialettale I. Incontri e scontri di lingue e culture (Pisa 2008) e II. Testi... Vai alla scheda autore >

Vai ai libri dell'autore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X