Giovanni Fanelli - Barbara Mazza

Il Bel Paese alla lente d’ingrandimento

€ 44,00 € 39,00

Casa Editrice: Mauro Pagliai

Anno: 2018

N. Pagine: 208

Formato: 24x31

Documenti rari, eletti, perlopiù inediti di quotidianità o di monumenti italiani dell’Ottocento

L’invenzione della fotografia ha offerto all’uomo un nuovo mirabile mezzo per alimentare l’immaginario del reale. Della vastissima produzione fotografica ottocentesca sul “Bel Paese” sono state scelte immagini emblematiche e di eccezionale qualità formale, in gran parte inedite. Sono state privilegiate quelle “animate”, nonché le scene di genere o di tipi popolari, che mostrano l’antico modo di vivere delle genti italiane. Tanti sono i motivi del mito del Bel Paese, ma il più centrale è infatti la presenza ovunque di vitalità caratterizzate da una sorta di domesticità universale. È quanto esprime uno dei fondatori della moderna critica d’arte, Heinrich Wölfflin, in una lettera da Roma del giugno 1887: “dimenticherò presto musei e chiese di Roma ma il benessere di vivere in mezzo a un popolo che è imbevuto di bellezza come il popolo romano, questo mi mancherà amaramente nel Nord informe. […] I motivi semplici dell’appoggiarsi, dello stare seduti, oppure immobili in piedi, ci sembrano così privi di senso e di significato solo perché li conosciamo unicamente come pose teatrali, e qui sono invece vita”.
Nella pubblicistica dei nostri giorni relativa alla fotografia ci si limita quasi sempre a riprodurre le stampe fotografiche per intero e in formato ridotto. Si sa invece che già per gli inventori della fotografia come l’inglese Talbot e per i primi critici francesi si doveva guardare la fotografia con una lente d’ingrandimento. Ebbene il volume offre di quasi ogni foto la riproduzione dell’intero e un dettaglio fortemente ingrandito, molto spesso a doppia pagina.
Le immagini di questa straordinaria, spettacolare antologia visiva sono quelle di luoghi mitici come di luoghi meno celebrati: Alatri, Amalfi, Ancona, Assisi, Auletta, Bellagio, Bellano, Bologna, Cagliari, Capri, Castel del Monte, Catania, Ceccano, Civita di Bagnoregio, Firenze, Genova, Gubbio, Lucca, Massa Lubrense, Menaggio, Messina, Milano, Orvieto, Palermo, Pescocostanzo, Pisa, Pompei, Pozzuoli, Reggio Calabria, Roma, San Polo (Chieti), Sanremo, Siena, Sorrento, Tivoli, Torino, Tratalias, Venezia, Verona. I fotografi e gli stabilimenti fotografici sono invece i Fratelli Alinari, Michele Amodio, Emilio Anriot, James Anderson, Luigi Armoni, Alphonse Bernoud, Carlo Bosetti, Giacomo Brogi, Giorgio Conrad, Édouard Delessert, Giovan Battista Drusa, Fratelli D’Alessandri, Celestino Degoix, Fotografia Artistica Pasquale e Achille Esposito, Atelier Fratoddi, Anton Hautmann, Léon Jouvin, Ernest Lamy, Filippo Lais, Henri Le Lieure, Paolo Lombardi, Robert Macpherson, Carlo Naya, Alfred Noack, Antonio Fortunato Perini, Carlo Ponti, Pietro Poppi, Robert e Julius Rive, Giorgio Sommer, Fratelli Tagliarini, Pio Tedeschi, Enrico Van Lint.
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Mauro Pagliai
Codice 978-8856403879

Mauro Pagliai

Dopo aver fondato e diretto per quasi cinquant’anni la casa editrice Polistampa, Mauro Pagliai ha dato vita nel 2007 alla nuova sigla Mauro Pagliai Editore, con l’obiettivo di conquistare una posizione significativa nell’industria libraria nazionale. L’ambizione è far uscire presso la nuova casa editrice sia talenti poco conosciuti sia i “pesi massimi”... Vai alla scheda editore >

Vai ai libri dell'editore

Giovanni Fanelli

Giovanni Fanelli è nato a Firenze nel 1936. È professore ordinario di Storia dell’Architettura presso l’Università degli Studi di Firenze. È noto come autore di numerose opere di storia urbana, di storia dell’architettura, di storia della grafica e di storia della fotografia. In quest’ultimo ambito disciplinare, oltre ai saggi in varie riviste specializzate,... Vai alla scheda autore >

Vai ai libri dell'autore

Barbara Mazza

nativa di Bolzano, è laureata in architettura e dottore di ricerca in Storia dell’Architettura e dell’Urbanistica. Fra le sue pubblicazioni si segnalano: Una presenza ignorata: Enrico van Lint fotografo a Lucca, «Quasar. Quaderni del Dipartimento di Storia dell’Architettura e Restauro di Firenze», n. 17, gennaio-giugno 1997; Lucca, storia della fotografia e storia... Vai alla scheda autore >

Vai ai libri dell'autore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X