Paolo Paoletti

Quale Liberazione?

€ 20,00

Casa Editrice: Edizioni Tassinari

Anno: 2019

N. Pagine: 328

Formato: 15.7x21.5

Firenze 1944: il falso storico dell’insurrezione e della liberazione partigiana
L’assunto che “Firenze insorse e si liberò da sola” è uno slogan facilmente smentibile. Non ci fu alcuna insurrezione che portò al ritiro tedesco dell’11 agosto; questo, come il precedente del 4 e quelli successivi del 18 e del 25 agosto 1944, fu programmato: gli arretramenti avvennero sempre nella notte tra il giovedì e il venerdì. A Firenze non ci fu alcuna insurrezione contro i tedeschi. Questi due dati sono incontrovertibili. Ma anche un terzo lo è: i partigiani persero tutte le battaglie, contro i tedeschi e contro i franchi tiratori fascisti (questi ultimi avevano l’obiettivo di spargere il terrore tra le fila partigiane e alleate: obiettivo pienamente raggiunto). Come si fa in Italia per nascondere uno scandalo o una sconfitta? Si concede un’onorificenza. Nel primo anniversario della Liberazione di Firenze venne in città il presidente del Consiglio, Ferruccio Parri, e conferì a Firenze la Medaglia d’Oro al Valore Militare. Per nascondere lo scandalo del 1944 e quello del 1945 la città non ha fatto altro che “dimenticare” le fonti storiche inglesi. Nel 1947 Winston Churchill scrisse che i tedeschi furono costretti a far saltare i ponti sull’Arno a causa dello sfondamento della Seconda Divisione Neozelandese. Nel 1986 il maggiore Charles Macintosh scrisse che l’11 agosto 1944 trovò la Giunta del CTLN nel panico: politici e militari erano convinti che i tedeschi si fossero ritirati per fare uscire i partigiani allo scoperto, per poi ritornare con i mezzi corazzati. Avevano sbagliato anche questa previsione. I tedeschi tornarono nel centro storico tutte le notti fino al 26 agosto 1944, per far capire che, se avessero voluto, avrebbero potuto riprendersi la città in ogni momento. La menzogna ciellenista dell’11 agosto, secondo cui: «… nelle prime ore di questa mattina formazioni della divisione garibaldina Arno misero in fuga oltre 400 soldati tedeschi…» venne poi modellata dal giornalista Sergio Lepri nello slogan sicuramente più efficace: “Firenze insorse e si liberò da sola”. In esso il soggetto non è più il braccio armato del PCI bensì l’intera città che prende in mano il proprio destino (“insorse”). Con l’efficacia del verbo riflessivo trasmette più messaggi: 1) non una minoranza, ma tutta la città partecipò alla lotta di liberazione (“Firenze insorse”); 2) quella battaglia fu condotta dalle
sole forze partigiane (si cancellava così il ruolo fondamentale degli Alleati che avevano costretto i tedeschi a ritirarsi attraverso la città); 3) si faceva credere che tutta la popolazione, senza alcun aiuto esterno, avesse partecipato a quella lotta contro Golia; 4) si lasciava intendere, infine, che era la prima volta che ciò accadeva in Italia.
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Edizioni Tassinari
Codice 9788899285678

Edizioni Tassinari

Nella metà degli anni ‘70, precisamente nel 1974, Riccardo Tassinari fonda con altri soci la “Lito 3”, società nata per offrire servizi sia a editori che a importanti stabilimenti litografici. Nel 1983 Riccardo Tassinari, decide di proseguire da solo il suo cammino ed ecco il passaggio in “Fotolito Tassinari”, poi in “Fotocomposizione Tassinari”... Vai alla scheda editore >

Vai ai libri dell'editore

Paolo Paoletti

Insegnante di Lingue e Letterature straniere moderne nelle scuole medie superiori, Paolo Paoletti ha iniziato a fare ricerca negli archivi, soprattutto stranieri, dal 1984. Dopo la scoperta, nel febbraio 1994, dei fascicoli inglesi e americani sulle stragi nazi-fasciste, che spinse il Procuratore Militare di Roma, Antonino Intelisano, a cercare e trovare il cosiddetto “armadio della vergogna”,... Vai alla scheda autore >

Vai ai libri dell'autore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X