Francesco Giovannini

Storia dello stato di Lucca

€ 28,00

Casa Editrice: Pacini Fazzi Editore

Anno: 2003

N. Pagine: 320

Formato: 17X24

Nel corso secolare della storia dello Stato lucchese, dall’alto Medioevo fino alla caduta della Repubblica nel febbraio 1799, appare del tutto evidente una costante, che accompagna anche nei momenti più difficili e nelle circostanze più pericolose, l’intero svolgimento delle vicende, come motivo ispiratore e condizionatore di ogni atto e decisione. Motivo che si trasmette senza soluzione di continuità, di generazione in generazione. La costante è la ricerca, incessante e ininterrotta nei secoli, della libertà e dell’indipendenza, pur senza mai cercare di modificare o rompere il vincolo giuridico di feudo imperiale. Sulle porte della città e sugli stemmi si leggeva e si legge tuttora, “Libertas”. Anche durante la breve vita della Repubblica Democratica, così come durante l’effimero Principato di Elisa Bonaparte e Felice Baciocchi, e il più lungo Ducato dei Borbone Parma, quasi l’intera metà del secolo XIX, l’aspirazione alla libertà e all’autonomia non venne mai meno. Autonomia e indipendenza anche nei confronti della Chiesa. Una città di profondi e radicati sentimenti religiosi, che addirittura celebrava nel giorno della festa della Santa Croce la festa dell’intera nazione lucchese, fu con la Chiesa più spesso e più a lungo in contrasto, fra scomuniche, interdetti e vertenze giurisdizionali, che non in pace. E a Lucca fiorì un forte movimento riformista, forse il più importante d’Italia. Non solo, nonostante le ripetute pressioni dei papi e della curia romana, a Lucca non fu mai insediato il Tribunale dell’Inquisizione, né mai vi si installarono i Gesuiti. Un piccolo Stato, certo, quello lucchese, che riesce a far riconoscere dai grandi d’Italia e d’Europa la sua libertà.

Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Pacini Fazzi Editore
Codice 978887246-5882

Pacini Fazzi Editore

Pacini Fazzi Editore fonda la sua casa editrice a Lucca nel 1966; è proprio la città a costituire il punto di partenza per le prime opere di forte impegno editoriale, centrate sulla storia e sull'arte lucchese. Negli anni successivi il campo d'indagine si allarga alla Toscana, per arrivare oggi a testi non più esclusivamente connotati dal legame ad un ambito territoriale. Nascono... Vai alla scheda editore >

Vai ai libri dell'editore

Francesco Giovannini

FRANCESCO GIOVANNINI, nato a Lucca, ha sempre vissuto in questa città. Insegnante di materie letterarie e poi preside di Scuola Media, è stato a più riprese consigliere comunale e assessore, sempre impegnato nello studio dell’arte e della cultura locali, ha collaborato a lungo a «Il Gazzettino Lucchese», fondato la ‘Società degli Amici di Lucca’... Vai alla scheda autore >

Vai ai libri dell'autore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X