Ariel Paggi

Un bambino nella tempesta. Ricordi di un bambino durante il periodo razziale a Pitigliano

€ 14,00

Casa Editrice: Salomone Belforte & C. Editore

Anno: 2009

N. Pagine: 72

“Una cronaca familiare nel turbinio dell’Italia fascista e razzista, dettata dagli occhi di un bambino che la violenza dei tempi, unita ad una sensibilità acuta, aveva reso adulto prima del tempo.[…] Ariel Paggi, oggi padre e nonno, passato come tutti attraverso esperienze di vita buone e meno buone, non ha mai dimenticato quegli anni della sua infanzia che, al di là della sofferenza o probabilmente proprio per questa, hanno contribuito a formarlo, a rafforzarlo e forse anche a meglio strutturarlo dal punto di vista etico e spirituale. Giunto ad un certo stadio della vita, anche Paggi ha voluto parlare, pensando soprattutto ai suoi nipoti, cui è legato da intenso affetto, mettendo per iscritto il ricordo di vicende lontane nel tempo, ma anche così vicine nel cuore e nell’anima. Chi leggerà questa cronaca, in parte dura e in parte tenera, ripercorrerà, sul filo della memoria, quei tempi, se egli stesso li ha vissuti, oppure potrà immaginarseli sulle ali della fantasia, rivivendoli, in entrambi i casi, - auguriamocelo -, con forte e costruttiva consapevolezza: la consapevolezza che quei ricordi possono aiutarci a rafforzare in noi una visione etica della realtà, ben diversa da quella che ha indotto e consentito la Shoah, in quanto poggiante su valori religiosi e morali, rispettosi dell’uomo e pertanto capaci di costruire e non di demolire.”(Dall’Introduzione di Rav Prof. Giuseppe Laras)

Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Salomone Belforte & C. Editore
Codice 978-88-7467-037-6

Ariel Paggi

Ariel Paggi è nato a Viterbo nel 1935 dove suo padre insegnava matematica al locale liceo classico. Dopo pochi mesi la famiglia si trasferì a Sofia in Bulgaria, in quanto suo padre Manlio aveva vinto un concorso per insegnamento all’estero. Dopo il soggiorno a Sofia la famiglia soggiornò ad Acquapendente e poi a Pitigliano, dove trascorse tutto il periodo razziale. Ariel... Vai alla scheda autore >

Vai ai libri dell'autore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X