Stefano Tommasini

Variazioni su Adone II Libretti musicali e di ballo (1614-1898)

€ 22,00

Casa Editrice: Pacini Fazzi Editore

Anno: 2010

N. Pagine: 264

Formato: 17x24

Nell’immaginario comune Adone, eroe del poema di Giambattista Marino, simboleggia la giovanile bellezza maschile. Ne è consapevole Stefano Tomassini che ci guida in un viaggio che ha come meta la riscoperta di un mito tanto amato quanto, a volte, non compreso. Egli contribuisce ad una sua attualizzazione svelando l’emergere dai testi di una inconscia ossessione per il corpo, che per perfetto che sia, rivela tutta la sua fragilità: è per quella bellezza che, a causa di un cinghiale inviato dal geloso Apollo, Adone perde la vita. Oltre che variazioni al mito classico, i testi qui proposti, presentano possibilità e vie alternative che la storia ha preso nel corso degli anni, ma che non sono sopravvissute nel ricordo e nella Storia; non per questo, però, esse sono di minor pregio o interesse rispetto alle più celebri. La costante è che essi si concentrano su un tema di particolare rilievo nell’Adone: il rapporto erotico con Venere, analizzando quell’emergenza del desiderio che inevitabilmente riporta alla questione del corpo. Distinguendo i libretti settecenteschi, in cui il linguaggio è pieno di strategie che distanziano i ballerini dal testo, dai libretti ottocenteschi dove i personaggi si presentano più complessi e il corpo di ballo contribuisce ad aumentare l’illusione del sentimento di verità scenica, vediamo come nei libretti moderni l’Adone possa essere sempre diverso: debole o malinconico, emotivamente immaturo o temerario, dormiente e casto o esauto per la caccia, ogoista o amante infedele.
Tomassini opera dunque con Andrea Torre –curatore del primo volume di cui si compone l’opera “Variazioni su Adone I, favole lettere e idilli (1532-1623)”– una completa rivalutazione della figura dell’eroe mitico, che da simbolo della perfezione, qual era nel mondo classico, assume ora una personalità complessa e sfaccettata che contribuisce ad aumentare il fascino che questo mito esercita da sempre.

Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Pacini Fazzi Editore
Codice 978887246-986-6

Pacini Fazzi Editore

Pacini Fazzi Editore fonda la sua casa editrice a Lucca nel 1966; è proprio la città a costituire il punto di partenza per le prime opere di forte impegno editoriale, centrate sulla storia e sull'arte lucchese. Negli anni successivi il campo d'indagine si allarga alla Toscana, per arrivare oggi a testi non più esclusivamente connotati dal legame ad un ambito territoriale. Nascono... Vai alla scheda editore >

Vai ai libri dell'editore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X