Narrar-sì. Uno studio su come letture e immagini combattano la sindrome di Rett

Siena il 07/12/2017 - Redazione
Un incontro aperto alla cittadinanza per illustrare i risultati del primo anno del progetto "Narrar-si. Il libro silenzioso. Inventare una storia attraverso le immagini", promosso dal Dipartimento di Scienze Sociali, Politiche e Cognitive dell'Università degli Studi di Siena e dall'Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, con il coinvolgimento di circa 250 bambini e venti insegnanti di due scuole primarie dell'istituto comprensivo P. A. Mattioli.
 
Il progetto - L’appuntamento con “Narrar-si tra emozioni, immagini e parole”, organizzato in collaborazione con la Biblioteca comunale degli Intronati e PromoCultura, è in agenda per lunedì prossimo, 11 dicembre, nella Sala storica della Biblioteca (via della Sapienza, 5) e prevede un articolato programma di interventi da parte dei professionisti e degli operatori che, a vario titolo, hanno lavorato al progetto. La ricerca è nata da uno studio precedente, la cui sintesi è stata pubblicata nel volume “Con la voce dei tuoi occhi - Viaggio tra arte e scienza nella sindrome di Rett" (Federighi editore, 2015), curato da Claudio De Felice, che contiene la favola “In viaggio verso Aneis”, scritta da Andrea Giuntini e illustrata dal maestro Roberto Innocenti, la quale riporta, in forma narrativa, attraverso le testimonianze di artisti, genitori e ricercatori, le verità scoperte dalla scienza sulla Sindrome di Rett, una malattia neurogenetica devastante che colpisce quasi esclusivamente le bambine, rubando loro la capacità di comunicare. Dagli studi dei ricercatori è stato scoperto che l’arte riesce a spezzare l’isolamento delle “bambine dagli occhi belli” arrivando a toccare le corde più profonde delle emozioni. Da qui è nata l'idea, condotta dalla stessa équipe interdisciplinare, di utilizzare le immagini della favola per indagare il rapporto tra l'uso di immagini, albi illustrati e vissuti emotivi dei bambini.
 
Nuovi spazi d’ascolto - Dalla ricerca sono emersi aspetti interessanti su come la lettura, l'albo illustrato e le immagini di qualità possano essere utilizzati per offrire ai bambini spazi di ascolto nuovi. Il progetto, a cui ha partecipato anche l’Unicef, già attiva su questi temi nelle scuole senesi, è riuscito a coinvolgere trasversalmente allievi, insegnanti, dirigenti scolastici, pedagogisti, bibliotecari, esperti di psicologia dell'età evolutiva, ricercatori e genitori, medici, esperti in letteratura per l'infanzia. Dopo i saluti istituzionali dell’assessora alla Sanità, Anna Ferretti, e l’intervento di Rosanna De Benedictis della Biblioteca comunale degli Intronati, il quartetto polifonico “Clemente Terni” interpreterà alcuni brani di un repertorio del XVI/XVII secolo. Seguiranno le relazioni di Oronzo Parlangeli, professore di Psicologia cognitiva dell’Università di Siena, sul tema “Sinestesia: onde emozionali tra universi sensibili”, e di Valentina Zerini del comitato Unicef per l’Italia su “I diritti dei bambini e degli adolescenti: ascolto, identità, partecipazione”. La bibliotecaria Fiorenza Poli e la pediatra Silvia Dragoni, referenti regionali del progetto, parleranno di “Nati per leggere e Nati per la musica”, prima dei contributi di Federico Frati, dirigente scolastico dell’istituto comprensivo P.A. Mattioli, e delle insegnanti che hanno partecipato all’iniziativa. Il neonatologo dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese (AOUS), Claudio De Felice, presenterà il metodo di lavoro e di ricerca del progetto “Narrar-si. Il libro silenzioso” e l’illustratore Roberto Innocenti, vincitore del Premio Andersen internazionale nel 2008, parlerà di “Fiabe e realtà”. “Percezione e narrazione: le emozioni che affiorano tra le pagine illustrate del libro silenzioso” sarà l’argomento degli interventi di Enrica Marchigiani, docente di Psicologia cognitiva e delle emozioni dell’ateneo senese, mentre la pedagogista Cristina Bartoli, esperta in letteratura per l’infanzia, approfondirà il tema “La letteratura interrotta. La pedagogia narrativa e l’immaginario del bambino per la cura e la costruzione del sé”. Claudio De Felice interverrà anche su “Vorrei togliere le nuvole! Dalla lettura silenziosa alla società vista dai bambini”, seguito dal neuropsichiatra infantile dell’AOUS, Youssef Hayek. Alle 18.30 circa è prevista la relazione della dietista dell’azienda USL Toscana sud est, Gloria Turi, che accompagnerà le sessioni del question time e delle conclusioni finali.
Torna Indietro

NEWS

Libri

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X