Monte dei Paschi e Berlusconi: pericolosa voglia di scoop

Loris Scricciolo

17/01/2009

Personalmente debbo confessare d’aver trovato parecchio divertente la lunga “fabulazione” del foglio Avvenimenti , puntualmente ripresa e rilanciata, previi commenti, da Prima Pagina, circa i finanziamenti del Monte (e non dell’On. Loris Scricciolo), erogati, a quel tempo alle imprese edilizie di Silvio Berlusconi. Dato difatti che allora il Monte dei Paschi di Siena, nella graduatoria delle grandi Banche, occupava il quinto gradino e marciava felicemente verso il quarto su scala nazionale (ciò che conseguì), mi sarei proprio sorpreso qualora anche Berlusconi, così come tutti i grandi potentati, a cominciare dalla Fiat e dall’Olivetti, per tacere delle imprese di Stato, non rientrasse pur esso nella sfera delle relazioni d’affari con la grande, accreditatissima Banca che ha per sede Siena. Me ne sarei sorpreso -dicevo- come d’un segno di vera incapacità nello “sviluppo”, tanto della tecnostruttura, che della Presidenza e degli amministratori di quegli anni. Epperò vedo che così non è. Ma che, sulla traccia degli “scoop altrui” si vorrebbe quasi menare dello scandalo e giudicare pressoché anomalo ciò che invece rientra nella “correttezza”. O si vorrebbe, per caso, che l’accesso al credito venisse selezionato in base a delle pregiudiziali ideologiche e politiche? Talché appunto questo Berlusconi, conosciuto più oggi come “Sua Emittenza”, dovrebbe essere radiato dalle relazioni bancarie -non perché inaffidabile- ma perché non amava il Pci ed ora non favorisce certo il Pds? Se è questo che vorrebbe, non ci si rifugi pertanto dietro lo schermo fittizio dello scandalismo. Ma lo si conclami piuttosto a viso aperto!

Sapremmo allora che, stando ad Avvenimenti, se Occhetto e D’Alema accedono per caso al governo del Paese, la concessione del credito sarebbe riservata solo a chi torna gradito alle Botteghe Oscure; agli ambienti cupi, gesuiti e settari di “Rete”; ai catto-massimal-comunisti, tipo Orlando - Cascio; nonché agli amici di quel vero “salice piangente” che risulta essere appunto Diego Novelli, direttore di Avvenimenti. Nonché -vorrei aggiungere- agli esponenti e alle Cellule, se ancora esistono e sono funzionanti, del Pds. E pensare invece che al Monte dei Paschi, mai lesinammo mutui o affidamenti anche alle Coop, che allora intrattenevano dei rapporti “speciali” e perfino “specialissimi” col Pci. Né, nei momenti difficili dell’ormai cadente democrazia cilena, li lesinammo neppure alla Banca centrale di Santiago, al tempo di Allende! Questa è vera “cultura di governo” anche nelle Banche: raccogliere denaro ed erogarlo a chiunque, grande e meno grande, o anche grandissimo, se ne è garantito il “rientro” nei modi, nei tempi e al tasso convenuto. Il resto, tutto il resto, costituirebbe discrimine e follia!

Chiusi, 20 settembre 1991

tratto da
Loris Scricciolo
Pagine di Storia
A cura di Eleonora Scricciolo
2009 Edizioni Il Pavone, Chianciano Terme

Torna Indietro
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196

Loris Scricciolo

Loris Scricciolo (1923 - 2004) nasce a Milano dove il padre Emilio, di origini umbre e di professione ferroviere, aveva trasferito la famiglia per esigenze lavorative. A 4 anni il piccolo Loris per incompatibilità con il clima milanese, fu portato dai nonni a Moiano, Città delle Pieve. Ben presto la famiglia si trasferisce a Chiusi Scalo. Frequenta l’Istituto Magistrale ad Arezzo e quindi l’Università di Magistero a Firenze. In questa culla di cultura egli matura la sua formazione; a Firenze diviene allievo di Codignola, frequenta Calamandrei, insieme ad amici e compagni, fra i quali Aldo Ducci – esponente del CLN e poi per decenni Sindaco di Arezzo; Giuseppe Ricci di Cortona; Silvano Zoi. Ciascuno di essi fece parte del Partito d’Azione clandestino e del Movimento Liberal-socialista. A 18 anni è nella Resistenza toscana e partigiano nella Brigata Simar (col. Silvio Marengo) del Monte Pausillo. A Firenze partecipa...

Vai all' Autore

Libri in Catalogo

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X