Claudio Pallanti

Da quel giorno tutti mi chiamarono Lubiam

€ 15,00

Casa Editrice: Nobil Contrada del Bruco

Anno: 201

N. Pagine: 160

Formato: 16x23.5

“I miei racconti sono ricordi personali che possono servire a rivivere corse passate e anche a cercare di capire cosa ci fosse dietro ad ogni carriera, quanti patemi e quanto lavoro delle poche persone sulle quali pesava il momento critico che la Contrada viveva in quegli anni. Sono i Palii degli anni Settanta e Ottanta, oramai lontani, quando ancora si dava ai cavalli l’erba gremigna, che nasceva in qualche vigna vicino; erano anni dove era tutto schietto e non esistevano i cellulari; le terapie per i cavalli erano tradizionali: si usava creta, grasso, albume. Per alcuni anni ancora sarà così, per arrivare progressivamente fino ai tempi odierni dove i cavalli hanno sottopelle il “microcip” e sono “macchine quasi perfette”
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Nobil Contrada del Bruco
Codice D'Amore

Claudio Pallanti

Claudio Pallanti nasce a Siena nel 1958. Amante di cavalli e di cani da caccia, da sempre appassionato contradaiolo del Bruco e pasticcere di professione. Scrittore per piacere. “Lubiam”, come oramai tutti lo chiamano, da quando giovanissimo, iniziò a frequentare la contrada, è stato vice barbaresco del Bruco dal 1977 al 1988. Vai alla scheda autore >

Vai ai libri dell'autore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X