0 Articoli Totale 0,00 €
le news

La Fondazione Mps svela la “Scultura gotica senese (1260-1350)”  [07/12/2011]

Siena e la scultura gotica sono le protagoniste della strenna presentata ieri dalla Fondazione Mps nel salone dei concerti dell’Accademia Chigiana, alla presenza di un numeroso e partecipe pubblico.
Oltre al deputato della Fondazione Mps Paolo Fabbrini, che ha introdotto la presentazione, l’accurato approfondimento dei contenuti e del contesto è stato esposto da Alessandro Bagnoli della Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico per le province di Siena e Grosseto, seguito dalle considerazioni conclusive del curatore Roberto Bartalini.

Il libro - Il volume, che vede la collaborazione di Francesco Aceto, Claudia Bardelloni e Silvia Colucci e la realizzazione da parte di una delle principali case editrici italiane di libri d’arte e d’architettura, la Società Editrice Umberto Allemandi & C. di Torino, ricostruisce uno dei momenti più gloriosi della storia della scultura a Siena, con un’analisi scientifica di monumenti e singole sculture dispersi sul territorio senese e non solo, appartenenti a collezioni private o musei. L’arco temporale contemplato si sviluppa dagli anni in cui Nicola Pisano lavorava con i suoi aiuti nel cantiere della Cattedrale di Siena, al periodo attorno alla metà del Trecento, segnato dalla recessione economica e dall’epidemia di peste nera del 1348 che inevitabilmente indussero all’abbandono della ricostruzione della Cattedrale. Protagonisti dell’epoca furono Gano di Fazio e Tino di Camaino, gli anonimi lapicidi della cattedrale e Goro di Gregorio, Agostino di Giovanni e Lando di Pietro, Giovanni e Domenico d’Agostino, le cui opere sono state raccolte e descritte capillarmente in questo volume che si avvale del regesto della documentazione d’archivio e di un vasto apparato fotografico.

La scultura senese medievale - Maestri dalle competenze non solo scultoree, ma anche progettuali, organizzative e di coordinamento; maestri di pietra, ma anche di intaglio ligneo, scultura che si distingueva per funzione e destinazione d’uso: pietre e marmi venivano lavorati per l’architettura esterna, interna o per i complessi sepolcrali; mentre il legno per suppellettili, decorazione di arredi o rappresentazione di immagini sacre, opere maneggevoli e facili da trasportare.
La scultura medioevale, inoltre, fu scultura dipinta e dorata, nonostante larga parte delle opere sia giunta a noi monocromatica per effetto del tempo e delle puliture e favorì l’integrazione tra competenze diverse e collaborazione tra scultori e pittori. Di rilievo sono le pagine che il curatore dedica alla fabbrica della Cattedrale, dal precorso cronologico dei maestri che si sono succeduti, ai considerevoli manufatti prodotti, alle motivazioni che hanno determinato la peculiarità del “duomo nuovo” rimasto incompiuto.
Elegante e raffinato, il diciassettesimo volume della collana editoriale della Fondazione Mps Itinerari e proposte affronta per la prima volta il fenomeno della scultura senese al passaggio dal Due al Trecento nella sua globalità e si propone quale valido e completo documento di approfondimento e di studio.


Fonte:
Invia un commento alla redazione
Nome :
E-Mail:
 

 “Torneranno i prati”, il 23 maggio poesia e musica ad Arezzo per ricordare i caduti in guerra [22/05/2015]

Si intitola “Torneranno i prati”, come il film che Ermanno Olmi ha dedicato alla Prima Guerra Mondiale di cui quest’anno si commemora il centenario, il concerto in programma per sabato...

 “Musicisti italiani a Londra e loro protégé”, Voces Intimae in concerto a Lucca il 23 maggio [22/05/2015]

Un concerto che testimonia l’internazionalità e la vitalità dei compositori e della musica italiana e la loro capacità di creare scambi virtuosi con i colleghi di altri paesi....

 Teatro a km0 a Rapolano Terme. Il 23 maggio di scena “2 mogli, 2 figli e 4 ruote per gestirli” [22/05/2015]

Torna l'appuntamento con “Teatro a km0”, la rassegna nata dalla collaborazione tra i Musei delle Crete e Compagnia teatrale La Lut con il Teatro di Montisi e con il supporto di Fondazione Musei...

 “Paesaggi di confine”, Castelnuovo Berardenga omaggia Francesco Rosi il 23 maggio [22/05/2015]
 “Gli albeggianti” a Colle Val d’Elsa il 26 e 28 maggio con “La beffa del fato” e “Lacrime asciutte” [22/05/2015]
  Gran finale di stagione al Teatro Verdi di Casciana Terme il 24 maggio con “La traviata” [22/05/2015]
 Frammenti di vita di un “cattolico inquieto”
Rossella Dini
Romano Paci è stato un protagonista della vita politica pistoiese, e...
25,00 €
 Vacanze Toscane
Roberto Guiggiani
Riflessioni sul turismo che cresce nonostante la politica La Toscana mantiene...
10,00 €  
 L'orlogio della libertà
Impero Alamanni
Con uno stile asciutto e a metà strada tra il memoriale e l’autobiografi...
8,00 €  
 Voglio nascere
Susanna Fontani
Sara, giovane donna in carriera, rimane incinta. Confusa e piena di dubbi di...
8,00 €  
 Dopo la liberazione
Francesco Fusi
Questo libro, secondo volume di una ricerca promossa dalle amministrazioni comunali...
16,00 €  
 C'era una volta la Costituzione
Valdemaro Baldi
La Carta costituzionale è caratterizzata da norme che contengono: un...
12,00 €