0 Articoli Totale 0,00 €
le news

La Fondazione Mps svela la “Scultura gotica senese (1260-1350)”  [07/12/2011]

Siena e la scultura gotica sono le protagoniste della strenna presentata ieri dalla Fondazione Mps nel salone dei concerti dell’Accademia Chigiana, alla presenza di un numeroso e partecipe pubblico.
Oltre al deputato della Fondazione Mps Paolo Fabbrini, che ha introdotto la presentazione, l’accurato approfondimento dei contenuti e del contesto è stato esposto da Alessandro Bagnoli della Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico per le province di Siena e Grosseto, seguito dalle considerazioni conclusive del curatore Roberto Bartalini.

Il libro - Il volume, che vede la collaborazione di Francesco Aceto, Claudia Bardelloni e Silvia Colucci e la realizzazione da parte di una delle principali case editrici italiane di libri d’arte e d’architettura, la Società Editrice Umberto Allemandi & C. di Torino, ricostruisce uno dei momenti più gloriosi della storia della scultura a Siena, con un’analisi scientifica di monumenti e singole sculture dispersi sul territorio senese e non solo, appartenenti a collezioni private o musei. L’arco temporale contemplato si sviluppa dagli anni in cui Nicola Pisano lavorava con i suoi aiuti nel cantiere della Cattedrale di Siena, al periodo attorno alla metà del Trecento, segnato dalla recessione economica e dall’epidemia di peste nera del 1348 che inevitabilmente indussero all’abbandono della ricostruzione della Cattedrale. Protagonisti dell’epoca furono Gano di Fazio e Tino di Camaino, gli anonimi lapicidi della cattedrale e Goro di Gregorio, Agostino di Giovanni e Lando di Pietro, Giovanni e Domenico d’Agostino, le cui opere sono state raccolte e descritte capillarmente in questo volume che si avvale del regesto della documentazione d’archivio e di un vasto apparato fotografico.

La scultura senese medievale - Maestri dalle competenze non solo scultoree, ma anche progettuali, organizzative e di coordinamento; maestri di pietra, ma anche di intaglio ligneo, scultura che si distingueva per funzione e destinazione d’uso: pietre e marmi venivano lavorati per l’architettura esterna, interna o per i complessi sepolcrali; mentre il legno per suppellettili, decorazione di arredi o rappresentazione di immagini sacre, opere maneggevoli e facili da trasportare.
La scultura medioevale, inoltre, fu scultura dipinta e dorata, nonostante larga parte delle opere sia giunta a noi monocromatica per effetto del tempo e delle puliture e favorì l’integrazione tra competenze diverse e collaborazione tra scultori e pittori. Di rilievo sono le pagine che il curatore dedica alla fabbrica della Cattedrale, dal precorso cronologico dei maestri che si sono succeduti, ai considerevoli manufatti prodotti, alle motivazioni che hanno determinato la peculiarità del “duomo nuovo” rimasto incompiuto.
Elegante e raffinato, il diciassettesimo volume della collana editoriale della Fondazione Mps Itinerari e proposte affronta per la prima volta il fenomeno della scultura senese al passaggio dal Due al Trecento nella sua globalità e si propone quale valido e completo documento di approfondimento e di studio.


Fonte:
Invia un commento alla redazione
Nome :
E-Mail:
 

 Siena divina", il 24 ottobre Passeggiate d'Autore sulle orme di Dante nei "luoghi della Commedia" [22/10/2014]

Dalla “vanità” dei senesi alla storia di Pia de’ Tolomei, dal racconto della battaglia di Monteaperti «che tinse l’Arbia in rosso» alla ricerca della Diana, mitico...

 “Col tempo e con la paglia…”il 25 ottobre a Siena, i proverbi toscani in un libro [22/10/2014]

L’affascinante mondo dei proverbi toscani raccolti in un volume. E’ “Col tempo e con la paglia…” di Alessandro Falassi edito da Betti che sarà presentato sabato 25...

 Sulle tracce della Pia dantesca, il 25 ottobre a Castelnuovo Berardenga “Tracce d’amore tra i vicoli” [22/10/2014]

Sarà lo spettacolo “Quale Pia? Tracce d’amore tra i vicoli” ad inaugurare a Castelnuovo Berardenga la nuova stagione della rassegna “Ma che ti Guardi?”, organizzata...

 “Caccia grossa in Maremma”. Il 24 ottobre a Paganico il libro che racconta luoghi cani, cinghiali e personaggi [22/10/2014]
 L’opera in scena a Firenze, il 23 ottobre la “Cavalleria Rusticana” di Mascagni sul palco del Verdi [22/10/2014]
 Prima nazionale a Pontedera per lo spettacolo “Alla Luce”, dal 3 ottobre in scena la partita per «poter vedere» [22/10/2014]
 Inviato di guerra 2.0
Emanuele Bellacci
Dal calamaio allo smartphone. I casi delle “social netwar” in Egitto...
12,00 €  
 Tanto pe’ fa’ poesia
Francesco Vannoni
I sonetti di Francesco Vannoni, ‘autentico poeta popolare nel senso più...
12,00 €  
 Monumenti ai caduti. Pistoia e Provincia
AA VV
È la prima catalogazione dei monumenti ai caduti della Grande Guerra...
23,00 €  
 Rusticane di montagna
Maria Valbonesi
La storia della montagna pistoiese è punteggiata di grandi figure femminili:...
12,00 €  
 NOI S’ERA TANTI IN FAMIGLIA
Roberto Minucci
La mezzadria in Toscana, storia e analisi di un modello sociale UN TRATTATO...
12,00 €
 LA DOLCE STRADA. La storia dei dolci tradizionali senesi (Versione italiana/inglese)
Veronica Grandetti - Nicola Natili
Il viaggio alla scoperta della tradizione dolciaria senese è il vero...
15,00 €