“Balabrunch con l’autore”, gastronomia e letteratura in Sinagoga da febbraio a giugno

Firenze il 14/02/2017 - Redazione
Una domenica al mese da febbraio a giugno all’insegna di incontri gastronomico-letterari in compagnia di scrittori del mondo ebraico contemporaneo. È “Balabrunch con l’autore”, la rassegna culturale ideata dalla Comunità Ebraica di Firenze in collaborazione con Siena, Pisa, Livorno e Pistoia al via il 19 febbraio. Assaf Gavron, Shifra Horn, Lizzi Doron, Elana Shohamy, Michael Chabon e sua moglie Ayelet Waldman. Saranno loro i protagonisti della prima edizione di Balabrunch, un momento di incontro tra culture durante il quale scoprire l’autore, il suo percorso umano, la sua necessità di scrittura in rapporto al contesto di provenienza. Dialogo e confronto per conoscere da vicino le persone e la loro storia come strumento per abbattere la diffidenza, gli stereotipi e creare ponti di comunicazione. Incontri che avranno per protagonisti i libri ma anche il cibo. Il Balabrunch sarà anche una gustosa occasione per assaggiare i piatti tipici della tradizione ebraica preparati dallo chef Jean Michel Carasso, celebre per la sua cucina multietnica in cui sapori e tradizioni del mondo si mescolano nello stesso piatto.

Il calendario - Ad aprire il ciclo di incontri sarà il 19 febbraio Assaf Gavron, scrittore israeliano conosciuto come una delle nuove voci più originali del suo Paese, in grado di affrontare argomenti “urgenti” quali la questione dei coloni e dei kamikaze palestinesi (ore 11,15 – Sinagoga di Firenze. Alle ore 17,15 Gavron sarà a Livorno). Seguirà il brunch con delizie gastronomiche-letterarie del mondo ebraico, narrate e cucinate da Michele Hagen e dallo chef Jean Michel Carasso. Gavron sarà a Pistoia sabato 18 febbraio in un incontro, moderato da Adam Smulevich, che rientra all’interno del calendario di iniziative di Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017 (ore 19 - Museo Marino Marini, Palazzo del Tau). Lunedì 20 febbraio Gavron sarà invece all’Università per stranieri di Siena. Il cartellone del Balabrunch prosegue il 26 marzo con la linguista israeliana Elana Shohamy, che racconterà della complessa ricerca di un equilibrio per l'ebraico, lingua madre, che entra in relazione, a volte problematica, con le altre lingue parlate in Israele come l'arabo. Il 9 aprile la Sinagoga di Firenze ospiterà un premio Pulitzer (2001) Michael Chabon e la moglie, la scrittrice Ayelet Waldman con i quali si parlerà di fumetti e dell’importanza che essi rivestirono nella cultura americana permettendo agli immigrati ebrei e ai rifugiati di accostarsi al sogno dell'eroe. Il 14 maggio sarà la volta di Shifra Horn, esponente del nuovo movimento di donne scrittrici, una risposta “esistenziale” all'impegno politico di Grossman, Yehoshua, Oz (ore 11,15). Nel pomeriggio Horn sarà ospite della Comunità ebraica di Livorno (ore 17,15) e lunedì 15 maggio sarà all’Università di Siena (ore 11,45). Gran finale della prima edizione del Balabrunch sarà l’11 giugno l’incontro con la scrittrice Lizzie Doron, di cui ad aprile uscirà la traduzione italiana del libro "Ma chi cazzo è Kafka", volume sul difficile rapporto tra arabi e ebrei in Israele (ore 11,15). Nello stesso giorno Doron sarà a Livorno (ore 17,15) e a Pisa il 12 giugno (ore 17,15).

L’iniziativa - L’idea del Balabrunch nasce dalla positiva esperienza estiva del Balagan Cafè, la rassegna ideata dalla Comunità ebraica di Firenze per aprire le porte della Sinagoga alla città, ai suoi turisti e visitatori e far conoscere le tradizioni, la musica e la cucina ebraica. E il Balabrunch va anche oltre. Nato all’interno della RE.T.E, rete Toscana Ebraica, ogni incontro con l’autore prevede un minitour attraverso le Comunità toscane (Firenze, Livorno e Pisa) al termine del quale sarà chiesto ad ogni autore di scrivere una sua impressione. Gli elaborati daranno vita a una piccola pubblicazione tematica dal titolo “Balagan con vista” e saranno letti durante il Balagan Cafè 2017, in una serata dedicata a questa esperienza.
 
Credits - Il Balabrunch è organizzato dalla Comunità ebraica di Firenze in collaborazione con la Regione Toscana, l’Ufficio culturale dell’Ambasciata d’Israele, RE.T.E Rete Toscana Ebraica, Coop culture, Frankenstein e l’Ordine dei giornalisti della Toscana. Alcuni incontri, infatti, saranno validi per la formazione continua obbligatoria.
 
Torna Indietro

NEWS

Libri

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X