In un libro la storia di Pisa dalla preistoria ai giorni nostri. Presentazione in Gipsoteca

Pisa il 25/02/2020 - Redazione
La “Storia di Pisa. Dalla preistoria ai giorni nostri” (Typimedia Editore( è il volume, curato da Domenico Coviello che sarà presentato alla Gipsoteca di Arte antica dell’Università di Pisa mercoledì 26 febbraio alle ore 18. Interverranno Francesco Donato Busnelli, professore emerito della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Giuseppe Meucci, giornalista e scrittore, Domenico Coviello curatore del volume e Luigi Carletti, editore Typimedia. Modera il giornalista Tommaso Strambi.

La pubblicazione - Il volume racconta una città che sorge dalle nebbie del mito, a cavallo fra verità e leggenda e di un territorio plasmato dagli etruschi che qui lasciano numerose testimonianze, come il tumulo principesco di via San Jacopo. Punto di riferimento per tutto l’alto Tirreno in epoca romana, con l’epopea della Repubblica Marinara, Pisa diventa una delle principali potenze della penisola. Sulle migliaia di torri della città ghibellina svetta il vessillo rossocrociato, mentre i mercanti pisani fanno grandi affari dall’Oriente alla Spagna. La sconfitta della Meloria contro i genovesi e la successiva dominazione fiorentina sanciscono il suo tramonto, ma anche l’inizio del suo splendore culturale.  È in questo periodo che si muovono geni come il matematico Leonardo Fibonacci e maestri come Buscheto, Diotisalvi e Bonanno, che creano il complesso di Piazza del Duomo, con la celebre Torre pendente: un “prato dei miracoli” come lo definirà D’Annunzio. Con loro, personaggi noti e meno noti come San Ranieri, Santa Bona e Kinzika de’ Sismondi. Insieme a Firenze, Pisa è la capitale colta del Granducato di Toscana. Sui lungarni passeggiano poeti come Leopardi, Lord Byron e Percy Shelley, ma anche Garibaldi e Giorgio Brown, pseudonimo di Giuseppe Mazzini, che qui morirà il 10 marzo 1872. I giorni nostri ci raccontano della lunga scia di sangue e distruzione lasciata dalle due guerre mondiali, degli anni delle contestazioni studentesche guidate da Adriano Sofri e delle glorie calcistiche del Pisa di Anconetani. L’università pisana, intanto, si espande, diventando fiore all’occhiello dell’Italia e dell’Europa a livello internazionale.
Torna Indietro

NEWS

Libri

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X