“Una guerra differente”, conferenza dello storico Marco Mondini il 22 novembre

Siena il 21/11/2016 - Redazione
Primo incontro legato alla mostra “Fotografi in trincea. La grande guerra negli occhi dei soldati senesi”, allestita nel Complesso museale Santa Maria della Scala di Siena e aperta al pubblico fino al 15 gennaio 2017. Martedì 22 novembre alle ore 17.30, all'Accademia degli Intronati (Palazzo Patrizi, via di Città, 75) si terrà la conferenza  dal titolo “Una guerra differente” tenuta dal professore Marco Mondini, ricercatore all’Istituto storico italo-germanico di Trento e docente di Storia contemporanea all’Università di Padova.
 
La conferenza - Una delle più popolari interpretazioni del primo conflitto mondiale vuole che gli europei siano “scivolati” in una guerra di dimensioni e durata impreviste senza rendersi conto di ciò che stava succedendo. Evocata già da illustri protagonisti contemporanei, l’idea di un’Europa popolata da “sonnambuli” e miopi irresponsabili è tornata recentemente alla ribalta. Ci sono pochi dubbi che, per i tempi della scelta e per le dilanianti tensioni interne che accompagnarono la decisione dell’intervento, il Regno d’Italia si debba escludere dal novero delle comunità di sonnambuli. Il che non implica che la guerra italiana, dal suo momento iniziale alla sua lunga (e per certi versi mai compiuta) fine non sia stata un coacervo di paradossi. Il primo livello di aporie della guerra italiana risiede della contraddittorietà eclatante tra i fini dichiarati, la sua conduzione e i suoi risultati. Caso unico tra le retoriche dell’intervento, il governo italiano non tentò di invocare a fondamento della sua decisione una minaccia che rendeva la guerra una necessità difensiva. L’intervento del Regno d’Italia nel conflitto europeo fu, in effetti, presentato come l’ultima campagna del Risorgimento, che avrebbe permesso finalmente a tutti gli italiani di far parte di un unico stato nazionale. Ma i mesi che separano la dichiarazione di neutralità nell’estate 1914 dal ‘maggio radioso’ del 1915 testimoniano abbondantemente come questa visione, romantica e ideale, non fosse solo largamente estranea alla massa della popolazione ma tutt’altro che condivisa anche dalla classe dirigente. Un altro livello dello iato eclatante tra il discorso sulla guerra e la sua realtà fu che un conflitto presentato come corale sforzo della nazione (e, anzi, prima grande occasione di incontro e sacrificio collettivo per tutti gli italiani), fu in realtà sostenuto prevalentemente da una piccola parte della popolazione maschile (al fronte) e da alcuni segmenti sociali (nel paese). Infine, un terzo livello del paradosso è lo scarto tra la realtà della conduzione e della gestione di una guerra ad altissimo tasso di modernità tecnologica e un macro-racconto imperniato sulla rappresentazione di un conflitto romantico e premoderno.
 
Altri appuntamenti - Gli altri appuntamenti correlati alla mostra, tutti a ingresso gratuito, sono: venerdì 25 novembre ore 17.30 Santa Maria della Scala, Fauso Casi, direttore Museo dei Mezzi di Comunicazione del Comune di Arezzo “La comunicazione in trincea 1914 – 1918”. Martedì 29 novembre ore 17.30 Accademia degli Intronati - Palazzo Patrizi, Università degli Studi di Siena e Laura Vigni, già responsabile dell’Archivio Storico del Comune di Siena “Il secondo anno di conflitto: il 1916”. martedì 6 dicembre ore 17 alla Biblioteca Comunale degli Intronati “La Grande guerra in terra di Siena”, conversazione sui libri di Paolo Goretti.  Venerdì 9 dicembre ore 18.30 al Santa Maria della Scala “Fronti echi della Grande Guerra”. Venerdì 16 dicembre alle  17.30 al Santa Maria della Scala presentazione del volume di Diego Leoni “La guerra verticale. Uomini animali e mezzi sul fronte di montagna 1915-1918”. Venerdì 13 gennaio alle  21 all'Accademia Chigiana “Casella, Ravel, Debussy et la Grande Guerre”, Matteo Fossi e Marco Gaggini in un concerto per due pianoforti.
 
Torna Indietro

NEWS

Libri

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X