Cecco Angiolieri, "maledetto" ma non troppo

Luigi Oliveto

09/11/2017

Mi è capitato in questi giorni di rileggere i sonetti di Cecco Angiolieri (sarà lui uno dei protagonisti delle prossime Passeggiate d’autore organizzate a Siena da Toscanalibri.it). Figura significativa della tradizione lirico-giocosa, anti-stilnovistica, purtroppo relegato dalla critica romantica in un ‘maledettismo’ che, per quanto suggestivo, ne ha svilito l’importanza letteraria. Ad esempio non si è sufficientemente detto che tutto quel maledettismo (ritenuto frutto di una sorta di autobiografia) rappresentava in buona misura un genere letterario (quello comico-goliardico) che attingeva a una retorica ben precisa e a temi ricorrenti. Può anche darsi che Cecco abbia vissuto in modo irregolare e dissoluto (e qualche documento in proposito esiste) ma i suoi versi rivelano, dal punto di vista letterario, una persona assai colta e raffinata, in possesso di una notevole tecnica compositiva, di un lessico e di una sintassi di prim’ordine. Si tenga dunque conto di questi aspetti anche quando leggiamo, con divertimento, sonetti come quello in cui l’Angiolieri prende per le rime i suoi dichiarati ‘nemici’ (in tal caso tutti e quattro insieme): il babbo, Becchina, l’amore e la mamma. Dice che sono loro ad averlo preso in trappola come un tordo nella siepe. Il padre costituisce una maledizione quotidiana; Becchina pretende da lui cose che nemmeno Maometto riuscirebbe a procurarle con la sua diabolica magia; l’amore lo fa invaghire di ladre che sembrano figlie di Gaetto (un celebre ladro, non si sa se veramente esistito o personaggio leggendario); la madre non lo sopporta al punto che, incrociandolo per strada, gli sibila: va’ via Cecco, che tu possa essere tagliato in due da un colpo di spada”.
 
 
Babb’e Becchina, l’Amor e mie madre 
m’hanno sì come tord’a siepe stretto; 
prima vo’ dir quel che mi fa mi’ padre: 
che ciascun dì da lu’ son maladetto. 

Becchina vuole cose sì leggiadre, 
che non le fornirebbe Malcommetto. 
Amor mi fa ‘nvaghir di sì gran ladre, 
che par che sien figliuole di Gaetto. 

Mie madr’è lassa per la non potenza, 
sì ch’i’ lo debb’aver per ricevuto, 
da po’ ch’i so la sua malavoglienza. 

L’altrier passa’ per vi’e dièll’un saluto, 
per disaccar la sua mal’accoglienza; 
sì disse: – Cecco, va’, che sie fenduto!
 
[da Cecco Angiolieri, Versi, a cura di Gigi Cavalli, Rizzoli, 1984]
 
Torna Indietro
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196

Luigi Oliveto

Luigi Oliveto

Giornalista e scrittore. Luigi Oliveto ha pubblicato i saggi: La grazia del dubbio (1990), La festa difficile (2001), Il paesaggio senese nelle pagine della letteratura (2002), Siena d'Autore. Guida letteraria della città  e delle sue terre (2004). Suoi scritti sono compresi nei volumi collettanei: Musica senza schemi per una società nuova (1977), La poesia italiana negli anni Settanta (1980), Discorsi per il Tricolore (1999). Arricchiti con propri contributi critici, ha curato il libri: InCanti di Siena (1988), Di Siena, del Palio e d’altre storie. Biografia e bibliografia degli scritti di Arrigo Pecchili (1988), Dina Ferri. Quaderno del nulla (1999), la silloge poetica di Arrigo Pecchioli L’amata mia di pietra (2002), Di Siena la canzone. Canti della tradizione popolare senese (2004). Insieme a Carlo Fini,  è curatore del libro di...

Vai all' Autore

Libri in Catalogo

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X