Ceronetti e i suoi ideogrammi di compassione

Luigi Oliveto

07/09/2017

Giorni fa Guido Ceronetti ha compiuto novant’anni, festeggiato da amici ed estimatori in quell’ansa di mondo che è Cetona, dove lo scrittore vive da alcuni decenni. “90 anni di solitudine” era il titolo dello spettacolo teatrale da lui stesso ideato per l’occasione. In tal caso la solitudine è indubbiamente quella di un intellettuale che sfugge ad ogni classificazione. Filosofo apocalittico, critico sferzante della modernità e delle sue derive, raffinato traduttore di testi biblici, poeta dissacrante, ironico, ma anche compassionevole della condizione umana. Verso la fine degli anni Ottanta ebbe a dichiarare in un’intervista: “... Finora è andata bene. In Italia non mi hanno ancora schedato tra i ‘poeti del Novecento’, un colombario triste dove non si portano, per risparmio, che fiori di plastica, dove si sta disgiunti per sempre dal cuore dei vivi. No... Con mani libere, brancicando la tenebra insolubile che è la vita, il destino umano, da parecchi decenni traccio qualche ideogramma di compassione, di ricordo e di desiderio della luce, in forma di grido ritmato. Si può anche chiamare questo lavoro poesia, ma il mio scopo si esaurisce nel ‘medicare’ in fretta, mediante l’idea e il suono... Qualcuno che sia in pena, e non refrattario a questi richiami, passando, e sentendo la voce, entra...”. Riflette sulla condizione umana anche il testo poetico che qui si propone e che insinua il dubbio di come nel nostro esistere ci sia stato un iniziale errore di stampa. Siamo, insomma, una bozza non corretta e ormai incorreggibile.
 
 
Chi ha orecchie in tenda
chi ha orecchie in tenda
Dice e ripete l’oscuro Giovanni
sgranando al porto le sue visioni
tra le grida dei friggitori
e le scannate angurie.
Io le orecchie le ho e in questa tenda
ci sto da molti anni.
Ma verrà mai qualcuno?
Una mano che getti una voce?
Che ci sia stato fin da principio
Un errore di stampa?
 
 
[Guido Ceronetti, da La distanza, Rizzoli, 1996]
 
Torna Indietro
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196

Luigi Oliveto

Luigi Oliveto

Giornalista e scrittore. Luigi Oliveto ha pubblicato i saggi: La grazia del dubbio (1990), La festa difficile (2001), Il paesaggio senese nelle pagine della letteratura (2002), Siena d'Autore. Guida letteraria della città  e delle sue terre (2004). Suoi scritti sono compresi nei volumi collettanei: Musica senza schemi per una società nuova (1977), La poesia italiana negli anni Settanta (1980), Discorsi per il Tricolore (1999). Arricchiti con propri contributi critici, ha curato il libri: InCanti di Siena (1988), Di Siena, del Palio e d’altre storie. Biografia e bibliografia degli scritti di Arrigo Pecchili (1988), Dina Ferri. Quaderno del nulla (1999), la silloge poetica di Arrigo Pecchioli L’amata mia di pietra (2002), Di Siena la canzone. Canti della tradizione popolare senese (2004). Insieme a Carlo Fini,  è curatore del libro di...

Vai all' Autore

Libri in Catalogo

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X