Faletti, un commosso canto prima che il sole si spenga

Luigi Oliveto

12/10/2017

Giorgio Faletti è stato un artista dalle molte sfaccettature: cantautore, attore, scrittore. Nel suo ultimo lavoro lasciato inedito intendeva mettere insieme letteratura, musica e recitazione. E’ infatti un monologo destinato al teatro, ma che ha – leggendolo ora nell’edizione Baldini & Castoldi – una sua autonomia letteraria. Si intitola “L’ultimo giorno di sole”, poiché racconta di una imminente e drammatica esplosione solare. Tutti, quindi, cercano illusoriamente di salvarsi fuggendo ‘altrove’. Solo una donna decide di restare al suo paese, per riflettere su ciò che ha vissuto o avrebbe voluto vivere, gli incontri fatti e mancati, la consapevolezza d’essere esistita. Racconta tutto ciò a se stessa e al mondo che sta per scomparire. Nell’imminenza di quel crepuscolo definitivo, intona un commosso canto per consegnare al buio la sua storia, la sua umanità.
 
 
Quando ero piccola, molto piccola, ho rincorso il sole.
Ricordo il colore, ricordo il calore, ricordo la luce, ricordo l’ansia di raggiungerlo, come se la mia vita dipendesse da quella luce e da quel colore e da quel calore. E in effetti era così ma non me ne rendevo conto. Non potevo rendermene conto, perché ero persa fra una moltitudine di altri come me, divisi dalla frenesia e accomunati dal buio, ognuno teso a rincorrere la propria sopravvivenza, come l’istinto e la legge comandavano. Fuggivamo e nessuno di noi sapeva da cosa. Correvamo e nessuno di noi sapeva per quanto.
L’unica cosa chiara per tutti era la meta.
Ricordo che a un certo punto la mia corsa è finita e mi sono tuffata per prima in quella palla enorme e il sole mi ha accolto e sono esplosa. In un attimo sono stata una cosa unica e diversa: quel calore era intorno a me, quel colore era su di me e quella luce era dentro di me. Io non sapevo di quale bearmi per prima ma in quella leggerezza e in quella gioia sapevo di esistere. Non so quale sia stata la scintilla che mi ha fatto cambiare, quale pioggia abbia versato dentro di me la goccia trasparente della consapevolezza ma so che era qualcosa di infinitesimale. Una stilla tremolante, una favilla nemmeno troppo vivida, un nulla che di colpo diventa un punto piccolo ma vicino, un istinto arrivato all’improvviso chissà da dove, ma pulsante di vita, e di colpo grande come un mare e vivido come la promessa di luce di un lampo.
 
[da G. Faletti, L’ultimo giorno di sole, Baldini & Castoldi, 2017]
 
Torna Indietro
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196

Luigi Oliveto

Luigi Oliveto

Giornalista e scrittore. Luigi Oliveto ha pubblicato i saggi: La grazia del dubbio (1990), La festa difficile (2001), Il paesaggio senese nelle pagine della letteratura (2002), Siena d'Autore. Guida letteraria della città  e delle sue terre (2004). Suoi scritti sono compresi nei volumi collettanei: Musica senza schemi per una società nuova (1977), La poesia italiana negli anni Settanta (1980), Discorsi per il Tricolore (1999). Arricchiti con propri contributi critici, ha curato il libri: InCanti di Siena (1988), Di Siena, del Palio e d’altre storie. Biografia e bibliografia degli scritti di Arrigo Pecchili (1988), Dina Ferri. Quaderno del nulla (1999), la silloge poetica di Arrigo Pecchioli L’amata mia di pietra (2002), Di Siena la canzone. Canti della tradizione popolare senese (2004). Insieme a Carlo Fini,  è curatore del libro di...

Vai all' Autore

Libri in Catalogo

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X