I barbari in giardino. Chi è senza pensiero scagli la prima pietra

Massimiliano Bellavista

12/06/2020

La linea retta (che in grafico fiancheggia ahimè fedelmente le ascisse, non le ordinate) dell’encefalogramma culturale italiano dispiega i suoi nefasti effetti, oggi anche su Montanelli. E non siamo che all’inizio, temiamo. Del resto essere incompreso era un destino che gli si addiceva molto (La sconfitta è il blasone dell’hidalgo, diceva ogni tanto). E il bello è che trova spazio sui giornali e anche nelle fauci di alcuni pseudointellettuali, cui il nostro darebbe a buon ragione e alla maniera toscana la “patente” di bischeri. In fin dei conti non serve dire niente: Indro Montanelli si difendeva da sé e anche il suo monumento. Del resto non è la prima volta che lo attaccano (anche materialmente).

Per dirla con Mario Cervi e un suo pezzo di alcuni anni fa a proposito di alcuni politici, lui odiava i personaggi minori o insignificanti e probabilmente nemmeno si sarebbe sprecato a dare importanza ai barbari che vogliono tirare giù la sua statua nei giardini pubblici di Milano (tutti costoro hanno il grave difetto di non saperlo ispirare o di ispirarlo il minimo necessario per scrivere, diceva Cervi nell’articolo). Ma il fatto in sé è poi tutto sommato irrilevante. È lo scenario che indica che dovrebbe preoccupare più dei virus. Quel che fa paura è l’ignoranza imperante e la riduzione di intere storie e percorsi intellettuali a pappette precotte etichettate in un modo o nell’altro secondo il bisogno. C’è ancora qualcuno che legge e si fa le sue personali idee, ma con l’onestà intellettuale e la solidità che caratterizzava Montanelli?
 
Torna Indietro
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196

Massimiliano Bellavista

Massimiliano Bellavista
Massimiliano Bellavista è consulente di direzione, blogger (www.thenakedpitcher.com) e docente di Management strategico presso l’Università di Siena. Vincitore di premi letterari, suoi racconti e poesie sono pubblicati su riviste e antologie. Scrive una rubrica fissa per la rivista stroncature.com. Tiene regolarmente seminari di scrittura e in merito alla valorizzazione ed alla comprensione del libro antico come bene letterario e culturale. A Siena anima la scuola di scrittura Recensio. Riguardo alle sue opere di narrativa, poesia e management, pubblicate in italiano ed in inglese, tra le più recenti ricordiamo: Le reti d’impresa (Franco Angeli, 2012); Anatomia dell’invisibile (Tabula Fati, 2017); L’ombra del Caso (Il Seme Bianco 2018) e The Naked Pitcher (Licosia 2018); Dolceamaro (Castelvecchi 2019); Marketing e management degli impianti sportivi (Azzurra 2019); Vertical Farming (Licosia 2019)
 
Vai all' Autore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X