Là sul discrimine dove la vita sembra perfetta

Luigi Oliveto

24/08/2017

L’ultimo romanzo di Silvia Avallone, “Da dove la vita è perfetta”, è un affresco a tinte forti dove si intrecciano temi che spesso convivono e collidono: la maternità, la paternità, il rapporto genitori-figli (talvolta a ruoli invertiti, con i figli chiamati a fare da genitori ai loro stessi genitori), la solitudine, scelte e vizi sbagliati, il desiderio di rivincita (persino di redenzione), l’attesa che qualcosa accada perché qualcosa dovrà pure succedere. Tutto ciò vissuto in un quartiere di periferia che, per quelle esistenze, è reclusione (fisica e mentale); è la condizione per la quale sarà loro impossibile poter cambiare i propri destini. Poiché – così si avverte il lettore – è “un quartiere con molte strade e nessuna via d’uscita”. È in tale contesto che si incontrano le storie di Adele, una ragazzina che sta per dare alla luce una bambina dalla quale verrà subito separata; Dora, trentenne, portatrice di handicap, anch’essa sul procinto di partorire un figlio-ragione-della-sua-vita; Zeno, lo studente di liceo classico, che è poi il narratore, il punto d’osservazione, in quanto destinato a non vivere per sé, ma ad osservare (aiutare) le esistenze altrui. Chissà se per queste vite ci sarà un punto, un momento, un andare-oltre in cui la vita sembrerà perfetta. E quale prezzo si dovrà pagare per questa illusione.
 
L’aveva chiamata Bianca. Come le cose bianche. Come le cose pulite e piene di luce.
L’aveva chiamata così tante volte nella sua testa, specialmente nei giorni peggiori. A bassa voce, chiusa a chiave nel bagno. Alla fermata dell’autobus quando non riusciva a dormire, quando non c’era un solo posto dove potesse andare – con quella pancia.
Ne aveva seguito i movimenti dei piedi, dei gomiti, delle ginocchia attraverso la pelle. L’aveva sognata. E provato a indovinarla dalle immagini delle ecografie. Ma adesso che la vedeva per la prima volta, capiva che non era né conosciuta né ignota.
Era sua. Così tanto sua da schiantarle il cuore.
Aveva creduto di non farcela, fino a un istante prima. Aveva sentito gli occhi rovesciarsi, le forze che se ne andavano. Solo un dolore immenso e accecante. E la testa di Bianca incastrata dentro, che le spaccava in due il bacino. Aveva pensato: Adesso muoio. Va bene così. Lei nascerà in qualche modo. Aveva pensato: La tireranno fuori. Questo è l’importante. E a me mi butteranno via, come un guscio che non serve più. A Marilisa che le gridava di spingere ancora, aveva sussurrato: «No, non ce la faccio».
E aveva chiuso gli occhi.
La sala operatoria era nella stanza accanto, sapeva che c’era sempre un chirurgo pronto per un cesareo d’urgenza. Solo che poi aveva avvertito qualcosa in fondo al corpo. Un richiamo così remoto, come da una galassia senza nome. Così potente.
Voleva vederla. Questo aveva sentito. Che voleva conoscerla. Che voleva metterla al mondo lei.
Allora aveva spinto. Ancora una volta.
L’ultima.
Con quale forza, non sapeva, con quale fiato.
Mentre Marilisa le ripeteva agitandosi: «Lunga, lunga, lunga! Stai lunga!». E le teneva un dito piantato là dove doveva spingere, dove la sua carne si stava lacerando.
Era uscita. Schizzata via a velocità della luce, come una saponetta bagnata, una liberazione assoluta.
 
[Silvia Avallone, Da dove la vita è perfetta, Rizzoli, 2017]

 
Torna Indietro
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196

Luigi Oliveto

Luigi Oliveto

Giornalista e scrittore. Luigi Oliveto ha pubblicato i saggi: La grazia del dubbio (1990), La festa difficile (2001), Il paesaggio senese nelle pagine della letteratura (2002), Siena d'Autore. Guida letteraria della città  e delle sue terre (2004). Suoi scritti sono compresi nei volumi collettanei: Musica senza schemi per una società nuova (1977), La poesia italiana negli anni Settanta (1980), Discorsi per il Tricolore (1999). Arricchiti con propri contributi critici, ha curato il libri: InCanti di Siena (1988), Di Siena, del Palio e d’altre storie. Biografia e bibliografia degli scritti di Arrigo Pecchili (1988), Dina Ferri. Quaderno del nulla (1999), la silloge poetica di Arrigo Pecchioli L’amata mia di pietra (2002), Di Siena la canzone. Canti della tradizione popolare senese (2004). Insieme a Carlo Fini,  è curatore del libro di...

Vai all' Autore

Libri in Catalogo

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X