Nato da un cane. Virzì racconta “Ovosodo”

Serena Bedini

17/01/2018

Confessiamolo apertamente: alzi la mano chi non ha mai visto almeno due volte “Ovosodo” di Paolo Virzì! Scommetto che le persone in grado di ammettere di non averlo fatto sono un numero forse inferiore a quello che si contava tra i volontari a un’interrogazione di grammatica greca al ginnasio. Sì perché, bisogna dirlo, “Ovosodo” è uno di quei film che rimane nel cuore sia per aver segnato un’epoca sia per il fatto di essere esemplificativo di una mentalità, conservando in sé quella spontaneità e quella nostalgia che rendono meravigliosa la stagione della vita che risponde al nome di “giovinezza”. È una storia d’amore, d’amicizia, di semplicità e insieme di quella “decenza quotidiana” che riscatta la nostra esistenza dalla meschinità del quotidiano. Per questo leggere “Nato da un cane. Il trattamento originale di Ovosodo”, volume di Paolo Virzì (proprio lui) e Francesco Bruni, edito da ETS di Pisa e curato da Ottavia Madeddu con una prefazione di Paolo Mereghetti, è praticamente un must.

Del resto le motivazioni, oltre che nella passione per il film, sono reperibili indubbiamente in quanto indica lo stesso prefatore: «Leggere il trattamento originale di “Ovosodo” è raccomandabile per due motivi. Perché aiuta a scavare dentro la fabbrica cinematografica di Virzì, scoprendo fonti di ispirazione, ambizioni e, magari, segreti e perché aiuta a capire meglio l’idea di cinema che guida il regista livornese, come trasforma le idee in immagini e le storie in film» (p. 5). Il titolo è poi, come spiega Ottavia Madeddu, un’autentica chiarificazione di due dei temi portanti del film stesso: l’attaccamento al padre da parte del protagonista, Piero Mansani, e il radicamento nel territorio toscano, oltre che naturalmente in quello livornese. Soprattutto poi si delineano e si definiscono i modelli che stanno alla base di questo film onesto e sincero, modelli assai alti se si arriva a fare il nome di Dickens, perché, ad esempio, «se nel trattamento è l’autore stesso a dichiarare una sorta di continuità con un certo tipo di letteratura, nel film è la voce over di Piero a ricalcare il noto inizio di David Copperfield, che rivisto, riattualizzato e rigenerato in chiave livornese suona così: partiamo dal principio, vengo al mondo a mezzanotte in punto del 12 marzo 1974, in un ambulatorio di via della Coroncina, rione Ovosodo» (p. 12).

Così questo libro che racconta in modo leggero la storia di una tragedia quotidiana, piccola quanto può esserlo se osservata dalla lente del distacco e della collettività, è in effetti il trait d’union tra il primo racconto che ha originato il film e la pellicola terminata. Il fatto poi che la vicenda, molto umana e normale, di un giovane proveniente da una famiglia disagiata e costretto a lavorare in fabbrica dalla necessità possa divertire è un miracolo che solo Virzì e la sua bravura sanno spiegare, «eppure si ride, si ride molto ed è proprio in questa commistione fra leggero e amaro, fra buffo e tragico, fra cinico e nostalgico che il film trova la sua forza, ribadisce il suo legame con la commedia italiana e se ne allontana contemporaneamente» (p. 25).
Torna Indietro
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196

Serena Bedini

Serena Bedini
Nata a Firenze nel 1978, si è laureata all'Università degli Studi di Firenze in Filologia Moderna (2005). Dal 2003 si occupa di formazione per adulti e attualmente è docente di Scrittura creativa e di Italiano L2 presso la LABA di Firenze. Da sempre appassionata di letteratura ed arte, ha collaborato e collabora con vari artisti ed è stata caporedattrice di i.OVO, rivista di arte e cultura contemporanea (Firenze, Nardini Editore). Suoi interventi appaiono o sono apparsi rispettivamente su Qui-Libri – La rivista di chi legge (Milano, La Vita Felice Editrice, distribuito presso le librerie Feltrinelli), Espoarte (Savona), Rassegna della Letteratura Italiana (Le Lettere, Firenze), La casa dei doganieri (Firenze), Fronesis (Firenze) e il Bollettino ITALS dell'Università Ca' Foscari di Venezia. Ha vinto il XXX e il XXXI e XXXIII Premio Letterario Nazionale "Il Portone" (Pisa) nella sezione racconto. Ha pubblicato i seguenti libri:...
Vai all' Autore

Libri in Catalogo

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X