AA VV

Alle origini della Sanità pubblica. I Riformisti e la medicina sociale

€ 15,00

Casa Editrice: Il Pozzo di Micene Editore

Anno: 2018

N. Pagine: 152

Formato: 13x20

Introduzione di Zeffiro Ciuffoletti
Antologia di testi a cura di Gian Luca Corradi


Quest’anno ricorre il 40° anniversario della riforma che nel 1978 portò alla nascita del Sistema Sanitario Nazionale italiano, considerato ancor oggi fra i migliori in Europa. Questo volume, che inaugura la collana della Piccola Biblioteca del Riformismo socialista, ricostruisce la “preistoria” del sistema sanitario dall’Italia liberale al fascismo. Fu allora che la medicina sociale, i medici socialisti e i socialisti riformisti spesero le loro energie per creare le premesse di un sistema di assistenza in grado di affrontare le problematiche sociali relative alle malattie e agli infortuni legati al lavoro, al disagio sociale e alla vecchiaia. Nel clima culturale di fine Ottocento, tra positivismo di democratici, liberali progressisti e naturalmente di socialisti riformisti matura la determinazione ad agire da subito per migliorare la vita dei lavoratori dai
campi alle fabbriche, dalla famiglia e dalla campagna alla città, scavalcando così la soluzione palingenetica cara ai rivoluzionari di ogni caratura ideologica. In questo piccolo e affascinante dossier storico-sociale, ricco di cura documentale e abilità correlativa nel ricostruire quel grande dramma che si trovava a vivere il proletariato e le vicende storiche che lo contrassegnarono, sono rievocati grandi personaggi come Anna Kuliscioff, Ivanoe Bonomi, il più avanzato dei riformisti italiani, Romeo Romei che si era distinto per la cura dei lavoratori, Gaetano Pieraccini, Guido Banti, Giulio Chiarugi straordinarie figure che si occuparono di medicina sociale e che rivestirono alti incarichi istituzionali, l’impegno di Filippo Turati quando nasceva a Genova il Partito socialista, con l’espulsione degli anarchici (1892). Si cominciò, finalmente, a parlare di tutela della salute dei lavoratori e degli infortuni sul lavoro, a battersi per la riduzione degli orari di lavoro; si ottenne una legge sulle case popolari, nel 1904 fu varato un Testo Unico sugli infortuni sul lavoro e approvato un Testo Unico sulla legge sanitaria con la quale si riordinava l’assistenza medica in ambito locale e si puntava a combattere le malattie endemiche come la malaria.
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Il Pozzo di Micene Editore
Codice 9788897925583

Il Pozzo di Micene Editore

Il Pozzo di Micene Editore, nasce da Mezzo secolo d’editoria, dalle collaborazioni intercorse fra i più autorevoli nomi della Cultura Italiana e Lucia Pugliese da sempre rivolta alla produzione di opere di qualità. Dedica spazio anche agli scritti di autori minori e inediti attraverso una commissione di lettura presieduta da noti letterati e studiosi, seleziona rapidamente i testi... Vai alla scheda editore >

Vai ai libri dell'editore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X