Paolo De Simonis - Roberto Mancini

Orizzonti comuni

€ 20,00

Casa Editrice: Aska Edizioni

Anno: 2016

N. Pagine: 84

Formato: 24x22

L'invenzione collettiva del paesaggio
Come ogni bene comune, anche il paesaggio pone veri e propri problemi epistemologici relativi alla sua natura, alla sua accessibilità da parte dei cittadini (presenti e futuri) e, dunque,
alla forma del regime politico che sottende alla sua gestione, tipicamente la democrazia e le sue molteplici. Il tema dei beni comuni pone in termini rinnovati una fondamentale questione di democrazia perché riguarda l’accesso ai beni della vita in termini di eguaglianza. E non solo del diritto di ciascuno a poterne disporre in termini sufficienti per vivere, ma anche
dal punto di vista del superamento di divari sempre più larghi e insopportabili fra le persone per l’accesso alla conoscenza o ai paesaggi, intesi non tanto dal punto di vista vedutistico,
bensì da quello del risultato del rapporto fra mondo naturale e opera dell’uomo, che  costituiscono la “cultura”, l’identità (sempre mutevole e in continua costruzione) di una comunità. Ma tale diritto di accesso deve prevedere un limite nel loro uso, così da poterne garantire la consistenza e dunque l’uso anche alle generazioni future. La loro tutela si connette perciò inevitabilmente al tema, politico, dei diritti del cittadino. Solo nel 2000, la Convenzione Europea «definisce il paesaggio quale determinata parte del territorio, così come è percepita dalle popolazioni». Ma le popolazioni “chi sono” e “come percepiscono”? Sanno di
possedere questo potere e dispongono di cognizioni adeguate per decidere? Evidentemente non basta “sancire” principi giusti: per attuarli davvero occorre sperimentare con pazienza metodi e pratiche di crescente consapevolezza attorno a tempi delicati e complessi. Insomma: il paesaggio sembra buono per ripensare la democrazia.
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Aska Edizioni
Codice 978-88-7542-264-6

Aska Edizioni

Aska edizioni viene fondata, nel 2001, dall'incontro di diverse esperienze nel settore dell'editoria, con l’obiettivo di fornire consulenza e servizi destinati ad imprese, organizzazioni ed enti locali. Attraverso la società Inprogress Srl, l’attività spazia dai progetti editoriali a quelli multimediali, dal marketing territoriale e la comunicazione, alla distribuzione. Aska... Vai alla scheda editore >

Vai ai libri dell'editore

Roberto Mancini

è un filosofo che sa fare della filosofia un dono per le nostre vite, nella concretezza del nostro  cammino in terra. Professore di Filosofia Teoretica presso l’Università di Macerata è autore di numerosi saggi in cui riesce a coniugare il rigore del ricercatore con la passione e il  coinvolgimento del credente. Vai alla scheda autore >

Vai ai libri dell'autore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X