Paolo Volponi

Scrivo a te come guardandomi allo specchio

€ 18,00

Casa Editrice: Edizioni Polistampa

Anno: 2009

N. Pagine: 216

Formato: 17x24

Il corpus delle lettere che Paolo Volponi scrive a Pier Paolo Pasolini fra il 1954 e il 1975 rappresenta un documento di grande importanza, attraverso cui è possibile ricostruire lo sviluppo dell’opera poetica volponiana nel cruciale passaggio da una fase in cui sono ancora predominanti (per usare un’espressione dello stesso Volponi) le suggestioni post-ermetiche a un’altra in cui si fa sentire l’influenza di Pasolini e, più in generale, del neo-sperimentalismo di «Officina». Il risultato sarà la pubblicazione nel 1960 della raccolta Le porte dell’Appennino e il primo importante riconoscimento con la vittoria del Premio Viareggio. Oltre che mediatore con l’ambiente culturale romano (Bertolucci, Bassani,Moravia,Morante, Gadda), Pasolini è in questi anni una figura centrale per Volponi, amico e maestro al tempo stesso a cui sottopone le proprie poesie e richiede pareri e consigli. La presenza di stesure preparatorie e intermedie di alcuni testi poetici allegati alle lettere consentono di ripercorrere l’itinerario variantistico di numerosi componimenti presenti ne Le porte dell’Appennino e di valutare appieno la portata dei cambiamenti intervenuti.
Le lettere raccolte nel presente volume consentono inoltre di valutare l’influenza esercitata da Pasolini non soltanto sulla produzione poetica ma anche sulla nascita e sullo sviluppo della narrativa volponiana, a partire da Memoriale (1962) fino al dissidio in occasione della stesura e della pubblicazione di Corporale (1974) la cui prosa torrenziale, ad altissimo tasso di figuralità e di metaforicità, tende a invadere anche il campo epistolare, soprattutto a partire dal 1972. Infine, le lettere che Volponi indirizza a Pasolini sono testimonianza di una grande affinità fra i due autori, sia umana sia intellettuale, frutto di un’amicizia profonda e di una comunanza di opinioni (rispetto alla politica e alla società) che solo la morte di Pasolini potrà interrompere.

Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Edizioni Polistampa
Codice 978-88-596-0510-2

Edizioni Polistampa

La storia delle edizioni Polistampa comincia nel 1966, quando il fondatore Mauro Pagliai, all’età di 22 anni, apre una piccola tipografia nel centro storico di Firenze. Nonostante le poche risorse economiche a disposizione, già all’inizio le stampe e le edizioni si contraddistinguono per la qualità delle loro esecuzioni e ogni volume viene particolarmente curato in... Vai alla scheda editore >

Vai ai libri dell'editore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X