Antonio Pizzuto

Sinfonia

€ 25,00

Casa Editrice: Edizioni Polistampa

Anno: 2012

N. Pagine: 360

Formato: 15x21

Sinfonia rappresenta uno snodo cruciale dell’opera di Pizzuto, che qui consuma l’ultima rottura dell’unità narrativa: l’abolizione del personaggio, di cui restava parvenza nel Lumpi di Paginette, ancora in qualche modo garante di una temperie romanzesca. La rinuncia ai «fatti» e ai «loro autori» che, dice Pizzuto, dovranno rimanere «tra parentesi», porta a una narrazione senza bussola, costituita da accumuli di eventi irrelati che il lettore è chiamato a connettere «in contuizione», consuonando con l’artista che li ha congiunti per impulsi musicali, fuori da ogni costrizione meramente diegetica. Privo dell’orizzonte di attesa offerto dalla trama, il racconto pizzutiano concresce su se stesso, convocando ‘cose di vita’ (i rerum vitalium fragmenta di cui parla Marzio Pieri) in uno spazio che ne esclude la filiazione causale, in un tempo sospeso, dove ognuna di esse torna alla sua alba, al suo aleatorio presente. In questo ‘campo di particelle’ possono così pariteticamente orbitare le epifanie di una esistenza (la magica funicolare di Palermo, un amore impossibile, un’amicizia ‘musicale’, un paese arroccato sui monti siciliani, una gita scolastica, il maestro di studi, fino ai soprassalti di un attimo, restituiti nel loro accadere) e i fluttuanti corpuscoli delle sue immaginazioni, che di volta in volta raggiungono la guerra mai combattuta, la notte della preistoria o le insondabili rêveries (l’invasione dei serpenti, la foresta mobile, la creatura marina antropomorfa) a suo tempo affidate alla Sinfonia giovanile e qui nuovamente in atto, a testimoniare la «continuità creativa» che l’autore assegnava al proprio lavoro. Il commento di Antonio Pane mira in primo luogo a identificare, per quanto possibile, le singole tessere del variegato mosaico, seguendo i criteri proficuamente collaudati in quello fornito a Testamento: restituzione delle coordinate spazio-temporali eclissate dalla programmatica decurtazione del contesto; ricerca dei referenti autobiografici o comunque dei tratti riconducibili all’ambiente dei familiari e amici di Pizzuto; individuazione di fonti particolari; sinossi intertestuale; scioglimento dei molteplici rimandi di specie letteraria, filosofica, scientifica, erudita; interrogazione delle varianti depositate nel «manoscritto originale».
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Edizioni Polistampa
Codice 978-88-596-1035-9

Edizioni Polistampa

La storia delle edizioni Polistampa comincia nel 1966, quando il fondatore Mauro Pagliai, all’età di 22 anni, apre una piccola tipografia nel centro storico di Firenze. Nonostante le poche risorse economiche a disposizione, già all’inizio le stampe e le edizioni si contraddistinguono per la qualità delle loro esecuzioni e ogni volume viene particolarmente curato in... Vai alla scheda editore >

Vai ai libri dell'editore

Antonio Pizzuto

Antonio Pizzuto (Palermo 1893 - Roma 1976) è il narratore più originale del nostro Novecento. Educato in una famiglia di tradizioni umanistiche, percorse la carriera in Polizia, conclusa nel 1949 con il grado di questore. Da allora si dedicò interamente a quella che considerava una vera riforma dell’arte narrativa, esemplata in una sequenza di opere che rimane memorabile... Vai alla scheda autore >

Vai ai libri dell'autore

NEWS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X