Luca Starita

Canone ambiguo della letteratura queer italiana

€ 16,00

Casa Editrice: Effequ

Anno: 2021

N. Pagine: 224

Letteralmente ‘queer ‘indica uno stato di eccentricità, di divergenza folle da una normalità socialmente accettata e promossa, di condizione inclassificabile. La teoria queer fa parlare l’interno, cercando di dare voce a quel nucleo profondo che forma la coscienza umana nella sua unicità e presentarla nella sua forma più pura, senza impalcature intellettuali o teorie secolari. Esiste quindi una strada letteraria alternativa a quella istituzionale che si discosta da una norma unificatrice ma che si incontra, alla fine, nell’unico concetto riassunto nel termine letteratura. Esiste un aspetto della letteratura italiana che viene costantemente taciuto o ignorato: una significativa parte degli scrittori e delle scrittrici che hanno popolato quell’universo, e dunque anche il nostro di lettori, era queer: omosessuale, o con qualche dubbio sul proprio genere sessuale, ma sempre e comunque in maniera velata. Un continuo nascondersi che però si rivela se si pone un attento e consapevole sguardo sui testi e sulle biografie. Questo libro vuole uscire dai canoni di lettura dell’accademia e offrire uno spunto di riflessione sulla queerness, colta nella sua attualità e complessità come nei suoi percorsi storici e letterari. In un percorso a metà tra racconto e saggio, l’autore, compiendo una riflessione su sé stesso e sulla storia, incontra e discorre con Aleramo, Arbasino, Bassani, Gadda, Morante, Palazzeschi e altri e altre ancora, dando forma a una sorta di Commedia dantesca alla (ri) scoperta delle personalità più interessanti della storia della letteratura italiana nel loro  universo più intimo e celato.
Lascia un Commento

Scrivi un commento

Scrivi le tue impressioni e i commenti,
verranno pubblicati il prima possibile!

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n.196
Casa Editrice Effequ
Codice 9788898837984

Luca Starita

Luca Starita (Napoli, 1988) si è laureato in Italianistica all’Università di Bologna con una tesi sul queer nella narrativa di Aldo Palazzeschi. Collaboratore di numerose riviste letterarie, è autore del romanzo La tesi dell’ippocampo (Bookabook, 2019) e delle due drammaturgie Quanta strada nelle mie scarpe (2018) e Caleidoscopio (2019) per la compagnia teatrale Murmuris.   Vai alla scheda autore >

Vai ai libri dell'autore

Guarda le novità su Canone ambiguo della letteratura queer italiana

NEWS

x

Continuando la navigazione o chiudendo questa finestra, accetti l'utilizzo dei cookies.

Questo sito o gli strumenti terzi qui utilizzati utilizzano cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
x